ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Mancini: addio Galatasaray
Mancini: addio Galatasaray

Mancini: addio Galatasaray

Dopo otto mesi seduto sulla panchina del Galatasaray il tecnico ex Inter Roberto Mancini saluta la Turchia per obiettivi diversi.

E’ di quelle notizie che non ti aspetti che non erano minimamente previste, Roberto Mancini va via ottiene la rescissione del contratto consensuale col Galatasaray e saluta la Turchia dopo quasi un anno. Mancini arrivò sulla panchina della squadra turca dopo l’esonero di Fatih Terim il 30 settembre scorso.

Da allora Mancini è riuscito ad arrivare agli ottavi di Champion’s League eliminando la Juventus di Antonio Conte, ha conquistato il secondo posto nel campionato turco ed ha vinto come trofeo la coppa nazionale della Turchia.

Era un buon risultato per Roberto Mancini al primo anno seduto sulla panchina turca, anche i tifosi hanno giudicato in modo positivo la stagione del tecnico italiano che circa tre settimane fa aveva garantito insieme alla società il proseguimento del loro rapporto lavorativo e si stava già lavorando per costruire il Galatasaray del prossimo campionato.

Fino a quando alle ore 13.39 non arriva l’annuncio ufficiale della società turca che dichiara il tecnico Roberto Mancini di nuovo sul mercato dopo aver esercitato la clausola liberatoria che lo legava al club turco fino al 2016.

Mancini intanto attraverso l’Ansa ha voluto salutare e chiarire la sua decisone presa così d’improvviso. Infatti il tecnico ha dichiarato di aver deciso di terminare la sua esperienza col Galatasaray non da solo ma insieme alla società.

Mancini ha detto chiaramente che quando a settembre lui accetto l’incarico di allenatore del Galatasaray gli obiettivi erano diversi e si puntava in alto. Ora purtroppo a causa di un cambiamento di rotta della società che vuole mettere sul mercato i suoi prezzi pregiati come Drogba e Sneijder il mister Mancini ha deciso di chiudere col club turco. Adesso sono molte le opzioni per l’allenatore ex Inter che chissà potrebbe anche pensare ad un gradito ritorno in patria.


Loading...

About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*