ULTIME NEWS
Home > Mondiali di Calcio Brasile 2014 > Mondiali 2014, Spagna Del Bosque: Non sarà la fine di un’era
Mondiali 2014, Spagna Del Bosque: Non sarà la fine di un’era

Mondiali 2014, Spagna Del Bosque: Non sarà la fine di un’era

Il nome Spagna dal punto di vista calcistico è davvero invidiabile: si tratta di una squadra che ha vinto le ultime due edizioni degli Europei ed ha distrutto tutte le squadre ai Mondiali di Sud Africa 2010.

Si presenta pertanto ai Mondiali 2014 di Brasile con un curriculum davvero invidiabile, e a poche ore dovrà sfidare una durissima squadra, la mitica Olanda, vice campione del mondo, sconfitta quattro anni fa dagli iberici stessi: e gli olandesi non dimenticano.

Nelle ultime ore, poco dopo l’annuncio del passaggio di Fabregas al Chelsea, Vicente Del Bosque è stato in conferenza stampa ed ha fatto alcune dichiarazioni in merito: a proposito della situazione di Fabregas, ha detto che il calciomercato non ha avuto alcuna interferenza sulla squadra, dal momento che sono scelte che vengono fatte ogni estate.

In merito ai trascorsi della Spagna, Del Bosque ha ammesso che negli ultimi anni si è soprattutto visto un calcio spagnolo dominante con due finaliste di Champions e la vincitrice dell’Europa League: anche se i pronostici sono a loro favore, la Nazionale è una cosa diversa.

L’Olanda, infatti, contrariamente alla squadra allenata da Del Bosque, è cambiata molto negli ultimi tempi. Hanno rinsaldato la rosa e cambiato pure allenatore, cosa pericolosa, dal momento che c’è Van Gaal che conosce molto bene il calcio calcio spagnolo perché ha avuto modo di lavorare in Spagna.

Comunque, con questi Mondiali non sarà la fine di un’era, perché gli spagnoli sono sempre agguerriti come quattro e due anni fa: gli olandesi dovranno sudarsela, anche se sono una grande Nazionale con grandi tradizioni e quattro anni fa giocarono uno splendido torneo.


About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*