ULTIME NEWS
Home > Mondiali di Calcio Brasile 2014 > Germania: il piano di Loew
Germania: il piano di Loew

Germania: il piano di Loew

Joachim Loew allenatore della Germania inserita nel Gruppo G insieme a Portogallo, Stati Uniti e Ghana ha studiato un piano per fermare Cristiano Ronaldo.

Manca sempre più poco alla prima partita della Germania nel Mondiale che affronterà il Portogallo di Cristiano Ronaldo. E’ subito un big match questo esordio per la Germania che il suo allenatore Loew ha preparato al meglio per riuscire a portare i primi tre punti a casa che lo garantirebbero quasi la qualificazione in tasca.

Ieri Loew in un’intervista ha dichiarato di non vivere più tranquillamente ossessionato dal Mondiale. L’allenatore tedesco studia, prende appunti e ragiona sulle sue avversarie e lo fa anche di notte dichiarando di voler trovare un po’ di equilibrio prima del debutto di lunedi sera.

Ma questo comportamento molto ansioso di Loew ha fatto si che l’allenatore studiasse al meglio il modo per fermare il campione del Portogallo Cristiano Ronaldo. C’è da dire che CR7 non è sicuro che sarà della partita dato che ieri in allenamento ha subito un altro dolore al ginocchio che l’ha costretto a terminare l’allenamento dopo soli 15 minuti.

Ma secondo Loew è meglio prevenire che curare visto che pensa che il Portogallo è un avversario scomodissimo per debuttare in un Mondiale. Infatti Loew ha dichiarato che il Portogallo è una squadra che si trova subito dopo la Germania nel ranking FIFA e che fa un contropiede migliore al mondo.

Per Loew sarà difficilissimo giocare contro giocatori del calibro di Nani, Moutinho, Pepe, Bruno Alves e naturalmente Cristiano Ronaldo. Per questo Loew ha confessato di aver pensato ad un piano per fermare il Pallone d’oro in carica. Loew nell’intervista dice di aver pensato di mettere Boateng fisso su Ronaldo con l’ausilio di Lahm a centrocampo.

Vedremo se Loew applicherà questa sua strategia e soprattutto se avrà effetto sul fenomeno portoghese.


Loading...

About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*