ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Italia: Prandelli vuole onorare la maglia azzurra
Italia: Prandelli vuole onorare la maglia azzurra

Italia: Prandelli vuole onorare la maglia azzurra

Il tecnico Cesare Prandelli ieri è stato intervistato da Manaus dove l’Italia disputerà la prima partita del suo Gruppo D contro l’Inghilterra.

Finalmente ci siamo, l’attesa è quasi finita stasera alle ore 00.00 italiane l’Italia debutterà a Manaus contro l’Inghilterra. In occasione ieri il mister Cesare Prandelli è intervenuto rispondendo ad alcune domande della stampa riguardo questa partita.

Prandelli era molto ottimista riguardo la partita di stasera, il tecnico azzurro ha studiato bene l’avversario conosce sia i suoi punti di forza che i suoi punti deboli, sa come e quando colpire la squadra di giovani inglesi. Il tecnico è soddisfatto del lavoro svolto fin’ora che ha fatto in modo di far arrivare tutta la nazionale pronta sia mentalmente che fisicamente per stasera.

Secondo Prandelli questa partita non sarà decisiva per il passaggio del turno. Il mister ex Fiorentina ricorda come in passato anche chi non ha vinto la prima partita è riuscita poi a vincere il Mondiale come per esempio la Spagna in Sudafrica nel 2010 che perse con la Svizzera all’esordio e poi diventò campione del Mondo.

Per Prandelli vincere la prima partita è importantissimo per due fattori, il primo ovviamente per i primi tre punti che si metterebbero in cassaforte ed il secondo perché una vittoria alla prima gara del Mondiale da una carica importantissima a tutta la squadra per proseguire.

L’allenatore ha spiegato i punti di forza dell’Inghilterra che sono i quattro giocatori nella fase offensiva bravissimi nell’uno contro uno e spiega che l’Italia dovrà essere brava a chiudere gli spazi e giocare con i due reparti molto vicini.

Infine Prandelli ha voluto sottolineare quanto da parte di tutta la nazionale ci sia un senso di responsabilità verso tutti gli italiani che li porteranno sicuramente ad onorare la maglia azzurra fino alla fine.


Loading...

About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*