ULTIME NEWS
Home > Mondiali di Calcio Brasile 2014 > Svizzera-Ecuador, attenti ai colpi di scena e al clima
Svizzera-Ecuador, attenti ai colpi di scena e al clima

Svizzera-Ecuador, attenti ai colpi di scena e al clima

Svizzera-Ecuador, che si giocherà oggi, quando da noi saranno le 18:00 è una di quelle partite dall’esito di difficile previsione, nonostante sulla carta la grande favorita sia facilmente individuabile.

In questo inizio di Mondiale brasiliano le sorprese non sono certo mancate, e anche la sfida che vede contrapposte le nazionali di Svizzera ed Ecuador, potrebbe riservare non pochi colpi d scena.

Se facciamo freddamente riferimento al Ranking Fifa, la Svizzera è nettamente favorita, visto che supera di ben 20 posizioni i suoi avversari, ma il calcio non è matematica. Questo lo sappiamo molto bene.

Anche il fatto che l’Ecuador abbia pochi giocatori con importanti esperienze internazionali (in Europa) non è un dato poi così rilevante.

Reinaldo Rueda, allenatore dell’Ecuador, è ben consapevole dei limiti dei suoi e proprio per questo gli chiede sempre di giocare con grande concretezza e, in effetti, vedendo questa formazione all’opera si ha subito l’impressione che tutti sappiano esattamente dove mettersi in campo e cosa fare, in ogni momento.

I due centrocampisti centrali fungono da ottimo collegamento tra attacco e difesa, e Jefferson Montero sa trovare gli spazi e i tempi giusti per diventare pericoloso, per qualsiasi avversario.

La Svizzera è vincitrice del suo girone, risultato ottenuto con relativa semplicità, e vanta un sistema di gioco ormai ben collaudato, ma nonostante questo, e la grande esperienza del suo ct, Ottmar Hitzfeld, non può permettersi di sottovalutare l’avversario.

Le insidie alle quali dovrà prestare particolare attenzione, oltre a quelle citate, sono poi legate anche alle condizioni climatiche che senza dubbio vedono favoriti gli equadoregni.


Loading...

About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*