ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Mondiali 2014 Italia, Balotelli: Si deve dare il 200 per cento
Mondiali 2014 Italia, Balotelli: Si deve dare il 200 per cento

Mondiali 2014 Italia, Balotelli: Si deve dare il 200 per cento

Mancano oramai una manciata di minuti al secondo match in questo Mondiale della squadra azzurra, che nella sfida di esordio ha battuto l’Inghilterra per la bellezza di 2 reti a 1, che sono state segnate con una cannonata fuori area di Marchisio e un Super colpo di testa di Mario Balotelli.

Nelle ultime ore gli Azzurri hanno lasciato il ritiro di Mangaratiba per volare verso Recife, dove alle ore 18:00 italiane di oggi la nazionale italiana allenata da Cesare Prandelli giocherà contro la piena di sorprese Costa Rica in cui giocherà anche Joel Campbell.

Poco fa c’è stata la conferenza stampa in cui Cesare Prandelli, allenatore dell’Italia, ha portato un giocatore, e la sua presenza è stata evidenziata da Super Mario Balotelli, che dopo il commissario tecnico ha fatto delle affermazioni di rilievo.

Il calciatore azzurro ha detto che lui e i suoi compagni hanno studiato al video la Costa Rica, che possiede un organico molto solido: per vincere, bisogna in primo luogo rispettare tali giocatori, non credendo che siano una squadra di serie B come ha già fatto l’Uruguay, che ha poi perso per 3 a 1, ma anzi, dare il 200 per cento, e poi il risultato si vedrà.

Balotelli ha dichiarato di vivere il Mondiale in modo molto tranquillo rispetto a quello che pensava: egli spera di segnare quanti più gol possibile, ma se ciò non dovesse succedere, l’importante è che la squadra ottenga la vittoria.

Infatti, secondo Balotelli, vincere i Mondiali, in particolare questi, quelli del 2014 che si stanno giocando in Brasile, è più importante di un campionato, di un Pallone d’oro ed altresì di una Champions League: alla faccia sconcertata dei giornalisti nel sentire queste parole, egli dice che non è cambiato, semplicemente è più concentrato del solito.

Infine, in merito a Fanny, ha detto che la promessa di matrimonio ci sarebbe stata comunque, i Mondiali 2014 di Brasile non c’entrano nulla.


Loading...

About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*