ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Italia, Prandelli ieri stava sostituendo Balotelli con Immobile
Italia, Prandelli ieri stava sostituendo Balotelli con Immobile

Italia, Prandelli ieri stava sostituendo Balotelli con Immobile

Nelle ultime ore, e precisamente ieri venerdì 20 giugno 2014 alle ore 18:00 allo stadio di Recife, l’Italia ha sfidato la Costa Rica in una sfida che sembrava già scritta, ma che ha fatto cancellare tutti i pronostici e ha ribaltato la situazione.

Infatti, Ieri secondo tutti i bookmakers doveva vincere di gran lunga la nazionale italiana allenata dal commissario tecnico Cesare Prandelli, eppure come è successo contro l’Uruguay, che ha perso contro i costaricani per la bellezza di 3 gol a 1, anche l’Italia è stata sconfitta.

I motivi della sconfitta imputabili alla nazionale italiana sono numerosi, eppure ce n’è uno che spicca tra tutti: chi doveva segnare, e cioè Super Mario Balotelli, che ha fatto un gol, quello decisivo, nella partita contro l’Inghilterra di sabato notte scorso, non è riuscito a concludere, nonostante due azioni lui solo contro il portiere.

Si diffonde poi una notizia sconcertante su Internet, e cioè l’intenzione di Cesare Prandelli di sostituire il calciatore in questione: infatti, dopo la pessima figura e i gol mancati del primo tempo, l’allenatore italiano voleva togliere Mario Balotelli da mezzo, in modo da riassortire per bene la squadra.

Il suo sostituto sarebbe stato Ciro Immobile, eppure la manovra non si è fatta: ad impedire l’inserimento del giocatore napoletano è stata l’improvvisa richiesta di sostituzione di Claudio Marchisio, quello che ha segnato la prima rete con l’Inghilterra.

Questo fatto ha obbligato Prandelli ad effettuare un cambio in meno: questo retroscena non fa cambiare le idee circa le decisioni sbagliate di Prandelli ma attutisce un po’ la portata di accusa dopo la disfatta della nazionale italiana con il Costarica.


Loading...

About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*