ULTIME NEWS
Home > Mondiali di Calcio Brasile 2014 > Belgio, Fellaini scommette sulla vittoria dei Mondiali 2014 di Brasile
Belgio, Fellaini scommette sulla vittoria dei Mondiali 2014 di Brasile

Belgio, Fellaini scommette sulla vittoria dei Mondiali 2014 di Brasile

Il Belgio ci crede in questo lungo cammino dei Mondiali 2014 in Brasile: la prima vittoria, quella sulla nazionale algerina per 2 a 1, lo ha incoraggiato tanto, e adesso è probabile che i giocatori del Belgio desiderino mettercela tutta per conquistare il primo posto con un’altra vittoria.

Un aspetto interessante è quello che concerne Marouane Fellaini, centrocampista belga, che dopo una stagione davvero assai poco proficua per lui con il Manchester United sta cercando di riportare in auge la propria posizione, e non si può dire che non ci stia riuscendo lanciando segnali positivi, uno tra tutti il gol nel match di esordio contro l’Algeria.

Il giocatore nelle ultime ore ha fatto delle interessanti dichiarazioni ed una scommessa in particolare, quella secondo cui alla vittoria dei Mondiali 2014 di Brasile da parte del Belgio egli promette di radersi i capelli!

Egli ha inoltre dichiarato che il Fellaini di Manchester è il medesimo del Belgio: certo, da quando è stato acquistato è passato circa un anno ed ho vissuto momenti buoni e cattivi, a volte bene e a volte male. Tra questi c’è stato l’infortunio, il cambio di allenatore e il team che non stava giocando bene.

Senza dubbio, ad egli interessa giocare bene la prossima stagione, in cui cercherà di giocare meglio: è ovvio che per come ha giocato la prima partita contro l’Algeria non ha inteso rispondere alle critiche, dal momento che non deve niente a nessuno.

Fellaini ha detto che il suo obiettivo è segnare per la sua squadra ed il suo Paese: certo, non ha vissuto una stagione semplice, eppure adesso si trova ai Mondiali 2014 di Brasile ed è totalmente concentrato sulla Nazionale.


About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*