ULTIME NEWS
Home > Mondiali di Calcio Brasile 2014 > Spagna, Reina vuole chiudere i Mondiali 2014 di Brasile con una vittoria
Spagna, Reina vuole chiudere i Mondiali 2014 di Brasile con una vittoria

Spagna, Reina vuole chiudere i Mondiali 2014 di Brasile con una vittoria

La Spagna allenata dal commissario tecnico Del Bosque ha già detto ciao in modo del tutto definitivo ai Mondiali 2014 di Brasile, per via di un fattore matematico: dopo due gare, ci sono state due sconfitte, la prima contro l’Olanda per 5 a 2 e la seconda contro il Cile per 2 a 0, e pertanto la nazionale spagnola è fuori dai Mondiali.

In ogni caso, come da calendario resta l’ultima partita per cercare di dare lustro ad un torneo durato davvero poco per i campioni in carica, visto che hanno vinto proprio gli spagnoli i precedenti Mondiali 2010 di Sud Africa, proprio contro l’Olanda quattro anni fa.

E nell’ultima gara, quella contro l’Australia, sarà titolare Pepe Reina, portiere del Napoli, che toglierà di mezzo Casillas, secondo quanto a brutte prestazioni solamente al portiere russo, detto saponetta dai tifosi brasiliani.

Reina ha detto che ora vuole una vittoria per tornare a casa con il sorriso: infatti nelle ultime ore è intervenuto in conferenza stampa, dove ha confessato gli umori della sua squadra.

Il portiere Reina ha detto che oramai non possono cambiare niente, sono già stati eliminati, eppure senza dubbio a lui e a tutti gli spagnoli piacerebbe chiudere il girone con una vittoria: infatti, quando i calciatori spagnoli vestono questa maglia desiderano solo vincere.

Ancora, Reina ha detto che devono rimanere fedeli al loro stile, chiudendo così questi Mondiali in maniera dignitosa: certo, questo non cambierà l’opinione della gente, eppure sarebbe importante per loro. Senza dubbio non potevano continuare a vincere, dal momento che ogni tanto ci vuole un cambio generazionale, eppure importante è che il collettivo cresca e migliori.

Infine, ha detto che gli spagnoli sono stati buttati fuori dai Mondiali 2014 di Brasile perché altri sono stati pià bravi di loro, e loro stessi sono stati anche un po’ sfortunati.


About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*