ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Italia: se si supera il turno sarà durissima
Italia: se si supera il turno sarà durissima

Italia: se si supera il turno sarà durissima

Quando manca ormai un giorno alla difficilissima sfida contro l’Uruguay, vediamo gli azzurri in caso di passaggio del turno chi potrebbero incontrare sul loro cammino.

Domani sera alle ore 18.00 orario italiano, l’Italia si gioca la qualificazione agli ottavi di finale contro l’Uruguay di Cavani e Suarez che già hanno dichiarato che domani sarà una vera e propria battaglia.

All’Italia per passare il turno basterà anche un pari, quindi avendo due risultati a favore su tre come tutti ci auguriamo ci sono ottime possibilità di qualificazione.

La cosa quasi sicura è che se l’Italia dovesse superare il turno lo farebbe da seconda, perché la Costa Rica che è prima a sei punti ha una differenza reti di +3 e quindi per terminare seconda dovrebbe perdere con l’Inghilterra con una goleada e l’Italia dovrebbe vincere.

E’ proprio questo secondo posto che fa capitare all’Italia nella fascia peggiore a partire dagli ottavi di finale. Si perché il Gruppo D degli azzurri va ad incrociarsi con quello C che come prima ha l’indiscussa Colombia che ha una differenza reti di +4 dalla Costa d’Avorio quindi salvo miracoli l’ottavo sarà Colombia-Italia.

Ma proiettiamoci anche ad un possibile quarto di finale, perché l’Italia sempre a causa della qualificazione come seconda si scontrerà ai quarti con la vincente dell’ottavo di finale tra Brasile e una tra Olanda e Cile.

Quindi come possiamo ben notare l’Italia una volta superato il girone potrebbe ritrovarsi subito la rivelazione Colombia e poi ai quarti anche i padroni di casa brasiliani.

Ovviamente come tutti ci auguriamo speriamo di arrivarci, ma sarebbe stato sicuramente più agevole terminare al primo posto e pensando all’occasione fallita contro la Costa Rica rimane l’amaro in bocca.


Loading...

About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*