ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Italia fuori dai Mondiali, Prandelli e Abete si dimettono
Italia fuori dai Mondiali, Prandelli e Abete si dimettono

Italia fuori dai Mondiali, Prandelli e Abete si dimettono

Niente da fare, l’Italia viene sconfitta dall’Uruguay ed è buttata fuori dai Mondiali 2014 di Brasile: a causa di questo fattore di rilievo, rassegnano le dimissioni il commissario tecnico della nazionale italiana Cesare Prandelli e il presidente della Figc Giancarlo Abete.

Prandelli, dopo aver rovinato una nazionale, ha affermato che quando un progetto tecnico fallisce è giusto prendersi le responsabilità: infatti ha detto che prima della firma del contratto c’era la volontà di progredire in questo percorso.

Prandelli ha anche affermato che hanno camuffato bene in quattro anni i problemi del calcio italiano: confessione in piena regola. E si lamenta di essere stato accusato da tutti di aver rubato i soldi ai contribuenti.

Si giustifica dicendo che ha sempre pagato le tasse e non ha mai rubato i soldi a nessuno: grande responsabilità, questa, come quella che ha ogni italiano con una propria dignità.

Prandelli ha anche detto che è assurdo rimanere in dieci in una partita di rilievo come questa, anche perché non ci sono stati falli cattivi o da espulsione. Secondo il suo parere, non si può condizionare in tal modo una sfida del genere, e l’arbitro ha rovinato la partita.

Infine, commentndo un po’ l’andazzo Mondiale, ha detto che nella prima sfida, quella contro l’Inghilterra vinta per 2 a 1 con i gol di Marchisio e Balotelli, hanno fatto bene, mentre nella seconda gara, quella disputata contro la Costa Rica e persa per 1 a 0, hanno fatto male.

Di contro, oggi se la sono giocata, e anche abbastanza bene, dal momento che si giocatav contro i due attaccanti più forti al mondo, Cavani e Suarez: eppure, l’Uruguay non ha mai tirato in porta. Per Prandelli, è questo il vanto: aver perso contro una squadra che aveva meno voglia di giocare degli italiani. Contento lui.


Loading...

About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*