ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Italia: Prandelli choc ha ricevuto minacce
Italia: Prandelli choc ha ricevuto minacce

Italia: Prandelli choc ha ricevuto minacce

Durante la presentazione di Cesare Prandelli come nuovo tecnico del Galatasaray, l’ex c.t. dell’Italia ha rivelato alcune verità riguardo la sua esperienza in azzurro.

Cesare Prandelli è ufficialmente il nuovo allenatore del Galatasaray, ieri è stato presentato alla stampa e tra gli obiettivi per il futuro ha anche parlato dell’eliminazione dell’Italia dal Mondiale ed alcuni retroscena che nessuno conosceva.

Nonostante Prandelli dalla presentazione in Turchia sembra molto più tranquillo e sereno non ha certo dimenticato la delusione della brutta eliminazione e soprattutto le varie conseguenze del caso che hanno fatto rimanere molto male l’ex allenatore dell’Italia.

Prandelli confessa che dopo l’eliminazione dal Mondiale ha ricevuto diverse minacce addirittura le ha trovate nella cassetta della posta e questo per l’ex tecnico azzurro è un grandissimo dispiacere. Per questa ragione Prandelli dichiara che se avesse ricevuto un’offerta da qualche club italiano in questo momento non avrebbe sicuramente accettato.

La discussione poi si sposta su Mario Balotelli e Prandelli non spende certo belle parole verso l’attaccante del Milan. Prandelli ha definito Balotelli non un vero campione che fa la differenza ma soltanto un giocatore che ogni tanto ha quei colpi che ti possono cambiare la partite ma la maggior parte delle volte non risulta determinante per la squadra.

Prandelli afferma di aver parlato a lungo con Balotelli e gli ha consigliato di fare tesoro dell’esperienza negativa della nazionale e di uscire dal suo mondo virtuale che si è creato, in questo modo in futuro potrà essere ancora utile alla nazionale italiana.

Per quanto riguarda Giuseppe Rossi il tecnico confessa che è stata la sua più grande delusione, non per la scelta di non portarlo ma per la sua reazione quando ha saputo di non essere tra i convocati.


Loading...

About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*