ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Italia, Camoranesi: ecco cosa è mancato agli azzurri
Italia, Camoranesi: ecco cosa è mancato agli azzurri

Italia, Camoranesi: ecco cosa è mancato agli azzurri

L’ex centrocampista dell’Italia campione del mondo ha spiegato i motivi che secondo lui hanno portato la nazionale italiana alla disfatta in Brasile.

Mauro German Camoranesi è uno che con l’Italia l’ha vinto un Mondiale, ha fatto parte della spedizione del 2006 quella in cui gli eroi azzurri umiliarono prima i tedeschi padroni di casa in semifinale e poi la Francia di Zidane in finale.

L’italo-argentino attraverso un’intervista ha confessato che sperava in una finale Italia-Argentina in cui lui avrebbe sicuramente tifato per gli azzurri.

Dopo la partita contro l’Inghilterra Camoranesi si era illuso pensava che quest’Italia potesse andare avanti in questo Mondiale ma purtroppo si è dovuta alla Costa Rica e all’Uruguay.

Secondo Camoranesi l’Italia ha sbagliato ad andare tutte le partite sempre con lo stesso andamento lento senza mai un cambio di ritmo di cui c’era bisogno soprattutto nell’ultima partita contro l’Uruguay.

L’Italia del 2006 era sicuramente diversa da quella di quest’estate e infatti lo sottolinea Camoranesi dicendo che quando c’era lui nella nazionale italiana c’era uno stile diverso, molto più gioco e possesso palla ma adesso sono mancate la corsa e i movimenti senza palla soprattutto degli attaccanti.

Per quanto riguarda tutti coloro che hanno scaricato le colpe solo su Balotelli o sui giovani in generale, l’ex centrocampista della Juventus afferma che la colpa non è mai di uno e due giocatori ma è sempre un discorso che va nel collettivo.

Camoranesi però è sicuro nell’Italia di quest’anno non c’erano molti campioni anzi oltre Pirlo e Buffon tutti gli altri sono solo dei bravi giocatori compreso Mario Balotelli.

Per quanto riguarda la finalissima di stasera Camoranesi dichiara che sarà una partita molto equilibrata e la prima che andrà in vantaggio vincerà.


Loading...

About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*