ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Serie A > Serie A Inter: Allenamento, difesa a 4 giocatori
Serie A Inter: Allenamento, difesa a 4 giocatori

Serie A Inter: Allenamento, difesa a 4 giocatori

L’allenamento di ieri dell’Inter è stato davvero peculiare, e vale la pena di essere menzionato per capire un po’ le strategie della squadra per il prossimo futuro.

In primo luogo, bisogna dire che c’erano dei ragazzi che dovevano migliorare la loro condizione fisica, e fra questi ci sono Mbaye, Vidic e M’Vila: oltre a ciò, c’è stato qualcuno che per rilassarsi si è dato alla pesca, come Mateo Kovacic, Juan Jesus, i Primavera Steffé e Palazzi si è recato a Vigo Rendena, al Laghetto Salmerino, e tutto questo prima della seduta di allenamento.

Le ore del mattino, quindi, hanno visto un riposo dalla parte della squadra, che ci voleva per tenere alto il morale e il colore dei nerazzurri: alcuni componenti dello staff tecnico della squadra lombarda hanno fatto un giro in montagna, altri un semplice riposo in camera, altri ancora un bagno in piscina e una passeggiata a Pinzolo.

Nel pomeriggio invece c’è stato l’allenamento in questione: il team ha lavorato in modo regolare al campo di Pinzolo e il commissario tecnico della squadra in opposizione al Milan, Mazzarri, ha cominciato a fare delle prove interessanti in ambito della rosa.

Infatti, Mazzarri ha testato la difesa a quattro che sarà una ghiotta alternativa alla linea a 3 giocatori che è stata molto usata durante la scorsa stagione: a tal proposito bisogna dire che con una lavagna l’allenatore ha mostrato i movimenti che i suoi calciatori dovevano fare e in seguito li ha messi sul terreno di gioco.

In campo sono state formate 4 coppie: D’Ambrosio insieme ad Andreolli sulla destra, Silvestre e Vidic insieme a Ranocchia e Mbaye in mezzo al campo, Dodò e Juan Jesus sulla sinistra. Si è trattata quindi di una seduta di allenamento abbastanza leggera, che ha permesso ai giocatori di ritemprarsi dopo l’amichevole di ieri contro il Trentino Team.


About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*