ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > MotoGp, Lorenzo salverà la reputazione con la Yamaha
MotoGp, Lorenzo salverà la reputazione con la Yamaha

MotoGp, Lorenzo salverà la reputazione con la Yamaha

Come si sta godendo le sue vacanze estive Jorge Lorenzo? Il maiorchino non ha ancora firmato nulla con la sua attuale squadra di MotoGp, la Yamaha, che lo vorrebbe ancora in sella almeno per altri due anni con un salario ridotto, però, rispetto a quello che attualmente porta a casa.

Invece Lorenzo vorrebbe un nuovo contratto per una sola stagione, cosa che gli consentirebbe di rinegoziare la sua posizione per un altro team di Moto GP nella stagione 2016. Ciò che interessa più al pilota spagnolo è l’opportunità di vendicare nella stagione 2015 quella triste vissuta nel 2014.

Quest’anno Lorenzo è riuscito ad arrivare a podio solo tre volte ed incappato in gare da dimenticare come l’un errore in partenza ad Austin ed i timori visti sotto la pioggia di Assen, che sommati fanno una quinta posizione assoluta al giro di boa del mondiale piloti, con 97 punti.

Questo mentre Marc Marquez ha raccolto nove vittorie in altrettante gare, sinonimo di 225 punti. Che cosa si può ancora aspettare, quindi, da questa stagione Jorge Lorenzo? In primo luogo, nel 2015, sarà in un modo o nell’altro con la Yamaha e poi avrà ancora Alpinestars sulla pelle, ma probabilmente senza più HJC sulla testa. Il ritorno di XLite è infatti confermato per il 2015.

E per quest’anno cosa c’è da salvare? La reputazione. Il suo uomo ai box, Wilco Zeelenberg, lo ha già detto, dall’ autunno ad Indianapolis si concentreranno sulla conquista dello stato di vice-campione del mondo.

Il “Por Fuera” Lorenzo dovrà ritrovare la forma vista lo scorso anno, quando poteva sconfiggere da solo una formidabile RC213V. Quella guidata da Marquez li farà perdere il titolo piloti per soli 4 punti, e cercare di riprendere almeno il compagno di squadra Valentino Rossi, attualmente terzo in campionato con 141 punti, ma forse anche questo non sarà troppo facile.


Loading...

About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*