ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Ricciardo, l’unico ostacolo per la Mercedes
Ricciardo, l’unico ostacolo per la Mercedes

Ricciardo, l’unico ostacolo per la Mercedes

Continua a scorrere il fiume di lodi verso Daniel Ricciardo a seguito di un’altra brillante prestazione al GP d’Ungheria, che lo ha portato alla sua seconda vittoria stagionale, confermandosi come l’unico pilota in grado di bloccare il dominio targato Mercedes.

Pur essendo alla sua prima stagione alla Red Bull Ricciardo ha finora superato il quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel e ancora una volta ha dimostrato durante il fine settimana di Budapest che si possono sempre mescolare le carte passando dalla quinta posizione in griglia fino alla vittoria finale.

Il due volte campione del mondo Fernando Alonso, che ha concluso al secondo posto in Ungheria, ritiene che l’australiano stia facendo un “lavoro fantastico quest’anno”, mentre Lewis Hamilton, terzo con la sua Mercedes all’Hungagoring, ha detto che è “non solo uno dei più bei ragazzi del paddock, ma è anche uno dei migliori piloti”.

L’ex Campione del Mondo Alan Jones, l’ultimo australiano a vincere il titolo, sente che il suo connazionale possa essere in grado di lottare per il campionato in futuro, se potrà avere tra le mani un giorno la vettura giusta, quella in grado di stare al passo a livello di prestazioni sul lungo periodo con le squadre più forti del circus della F1.

Ricciardo non è un potenziale concorrente al titolo quest’anno, dato che Rosberg e Hamilton stanno facendo il vuoto dietro di loro. Ma sono in tanti quelli che pensano che il giovane australiano possa diventare in futuro un potenziale grande campione di questo sport. Magari sempre con la Red Bull ma con motore Mercedes.

Il successo in Ungheria di Ricciardo è arrivato sull’onda di brillanti sorpassi sia su Alonso che su Hamilton durante gli ultimi giri, che ne ha evidenziato la tempra di veterano soprattutto sul lavoro fatto con i pneumatici e con il lavoro in team.


Loading...

About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*