ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Italia: Conte avvisa, la nazionale bisogna meritarsela
Italia: Conte avvisa, la nazionale bisogna meritarsela

Italia: Conte avvisa, la nazionale bisogna meritarsela

Il neo allenatore della nazionale italiana Antonio Conte avverte tutti i giocatori che d’ora in poi la maglia dell’Italia bisognerà guadagnarsela in campo, con lavoro e sudore.

Quando il nuovo presidente della Figc Carlo Tavecchio ha scelto Antonio Conte come nuovo allenatore della nazionale italiana, la maggior parte degli sportivi sono rimasti entusiasti, credendo fermamente che sia lui l’uomo giusto per guidare l’Italia ad altri successi.

Stessa emozione che in questi giorni sta provando anche lui, Antonio Conte che si è presentato per la prima volta ai microfoni da allenatore dell’Italia con un’aria da vincente, soddisfatto di aver raggiunto un obiettivo importantissimo per la sua carriera.

Conte alla stampa si dichiara emozionatissimo perchè è sicuro che al suo posto vorrebbero starci tutti gli altri allenatore del mondo. Il mister tre volte campione d’Italia è orgoglioso della scelta della Figc, e ne approfitta per salutare Prandelli e tutto il suo staff per i quattro anni passati sulla panchina azzurra.

Il nuovo allenatore dell’Italia è sicuro di avere a disposizione tantissimi giocatori di qualità, lavorando sodo si può tornare fra i primi posti Mondiali come vogliono tutti i tifosi azzurri.

Ma di una cosa Antonio Conte è convinto più che mai, in questa nazionale giocherà soltanto chi lo merita e chi si dimostra di essere un grande uomo che secondo il nuovo c.t. vale molto di più di essere un grande calciatore.

Per quanto riguarda le lamentele per le cifre del suo contratto, Conte risponde molto tranquillamente di non aver nessun tipo di timore, il suo contratto rientra in pieno nei parametri della Federazione a cui lui ha ceduto tutti i diritti d’immagine, cosa mai fatta prima.


Loading...

About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*