ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > MotoGp a Motegi, Dovizioso vola nelle libere
MotoGp a Motegi, Dovizioso vola nelle libere

MotoGp a Motegi, Dovizioso vola nelle libere

Lo aveva assicurato alla vigilia, lo ha confermato in pista: Andrea Dovizioso è subito protagonista nella prima giornata di prove libere del Gran Premio di Motegi, quartultima tappa del Motomondiale 2014. Il pilota forlivese, che qui ha ottenuto la sua unica pole in MotoGp nel 2010 (quell’anno finì poi la corsa al secondo posto), ha prima chiuso in terza posizione la prima sessione di prove libere, per poi dominare la seconda chiudendo al primo posto col tempo di 1’45”140, a soli due decimi dal record del circuito che appartiene a Jorge Lorenzo ed è datato 2010, e precedendo proprio il pilota maiorchino a più di 400 millesimi.

Il risultato di Dovizioso è la conferma che la Ducati è ormai ad un passo da Honda e Yamaha con possibilità di giocarsi anche un podio in gara. La GP14.2 aveva già mostrato ottimi segnali sul circuito di Aragona, qui a Motegi è apparsa devastante con la gomma morbida che viene messa a disposizione delle factory open.

Dopo Dovizioso e Lorenzo (che aveva primeggiato nella prima sessione), si sono piazzati Stefan Bradl in terza posizione (a sorpresa il migliore dei piloti Honda), Dani Pedrosa e Valentino Rossi. Il “dottore” ha faticato soprattutto per il problema al dito che lo sta costringendo a frenare in modo diverso dall’abituale, ma è riuscito a chiudere entrambe le sessioni tra i primi cinque.

E Marquez? Il giovane prodigio spagnolo, che a Motegi potrebbe sigillare il secondo titolo iridato consecutivo, è stato protagonista di una caduta proprio all’inizio delle prime prove libere, ma è tornato in sella praticamente subito. Ha chiuso la prima sessione alle spalle di Lorenzo, ma è poi retrocesso in sesta posizione dopo le prove libere 2, chiudendo a ben otto decimi da Dovizioso. Andrea Iannone, nonostante qualche problema di troppo, ha chiuso col nono tempo precedendo Cal Crutchlow e finendo alle spalle di Pol Espargarò e Bradley Smith.


About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*