ULTIME NEWS
Home > Coppe Europee > Europa League > Europa League: Napoli, vittoria e primo posto
Europa League: Napoli, vittoria e primo posto

Europa League: Napoli, vittoria e primo posto

Vince il Napoli e conquista il primo posto nel girone I di Europa League. La squadra di Benitez travolge lo Young Boys al San Paolo grazie ad una tripletta dello scatenato De Guzman, portandosi in vetta con 9 punti insieme allo Sparta Praga, che nell’altra gara del girone batte lo Slovan Bratislava.

Una buona gara quella del Napoli, con gli azzurri che creano tante occasioni e vincono con merito. In Europa sono imbattuti da 8 gare europee casalinghe (6 vittorie e 2 pareggi).

Un secco 3-0 allo Young Boys per ribadire che la sconfitta di Berna è stata soltanto un imprevisto, ed ora gli azzurri hanno la possibilità di chiudere il girone al primo posto.

Contento il tecnico Benitez dopo la vittoria netta maturata ieri sera al San Paolo. Nel dopo partita ha dichiarato:

 “Per la differenza reti era importante fare 3 gol e non subirne, o magari farne anche di più. Non vogliamo avere i problemi dell’anno scorso in Champions”.

Dopo il successo sulla Roma, arriva una nuova convincente prestazione degli uomini di Benitez, che ora vogliono dare continuità ad una stagione partita male ma che ora sembra sorridere agli azzurri.

Ne è conscio anche il tecnico spagnolo, la crescita del Napoli nelle ultime settimane è evidente:

 “La squadra sta crescendo con tutta la rosa, la nostra idea è di fare una partita alla volta, non possiamo guardare più avanti. Poi vediamo dove arriviamo. Loro sono una squadra che sa giocare, hanno una buona organizzazione e sono bravi in ripartenza e velocità. Noi abbiamo lavorato tutti con intensità, qualità, fino alla fine. Anche Rafael è stato bravo. Cambiano i giocatori e la squadra gioca bene, vuol dire che c’è un’idea di gioco”.

Una Napoli apparso perciò rinfrancato dopo le ultime convincenti prestazioni e che ora si tuffa nuovamente in campionato. Ad attenderlo ora la delicata sfida di Firenze.


About Alessandro Mancuso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*