ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Nazionale, Conte vuole vedere da vicino Balotelli
Nazionale, Conte vuole vedere da vicino Balotelli

Nazionale, Conte vuole vedere da vicino Balotelli

Antonio Conte in vista degli impegni contro la Croazia  ed Albania in amichevole, ha spiegato i motivi per i quali è stato convocato Mario Balotelli:

 “Siamo in un periodo di costruzione ed era previsto che Balotelli venisse chiamato per essere valutato. Le cose per sentito dire non mi piacciono. Ne ho sentite dire tante in giro ma io preferisco valutare i calciatore da me, è giusto testarli e capire che affinità tecnico-tattica hanno con la mia idea di gioco, che affinità dal punto di vista comportamentale”.

Antonio Conte nel corso della conferenza stampa è incalzato dai giornalisti soprattutto sulla scelta di convocare  SuperMario:

“Un mese fa avrei dovuto spiegare la sua non convocazione, ora invece perchè l’ho convocato. Questo è un periodo in cui, dopo la delusione del Mondiale, stiamo cercando di costruire qualcosa di bello che ci possa portare alla qualificazione e poi a fare un buon Europeo. Balotelli sta giocando titolare nel Liverpool e io mi trovo spesso costretto a chiamare tanti giocatori che non sono titolari nelle proprie squadre. Forse è anche meglio che arrivi in un periodo non buono per lui. Si metterà a disposizione della Nazionale e avrò modo di valutarlo. Ma lo stesso vale per Cerci. Sono giocatori che erano dei patrimoni in Italia, poi sono andati all’estero e stanno trovando delle difficoltà ma il mio dovere di allenatore è capire che utilità possono avere in questa Nazionale. E’ sciocco pensare che siano qui in nazionale per lo sponsor”.

In ogni caso Mario parte più indietro rispetto ad altri attaccanti:

“Balotelli ha esperienza importante con la Nazionale, avendo fatto un Mondiale e un Europeo. È importante ma non basta, dovrà riempire il mio occhio, se si adatterà a un tipo di calcio. Altri me lo hanno già dimostrato, lui deve farlo. Per il momento Immobile, Zaza, Pellè e Giovinco partono avvantaggiati. Non ci sono gerarchie però, se in una settimana Balotelli mi dimostrerà di aver raggiunto gli altri a livello di voglia e di passione allora potrà superarli”.

Il ct parla anche delle condizioni di Verratti:

“Sta facendo una risonanza per vedere l’adduttore in che situazione è, vedremo dopo che decisione prendere e se sia il caso che il ragazzo torni a casa. In questo periodo con gli infortuni siamo sfortunati”.

Marco Verratti soffre per una tendinopatia inserzionale all’adduttore sinistro con pubalgia: ecco quanto dichiarato dallo staff medico della nazionale.

Prima della conferenza stampa, Antonio Conte ha voluto ricordare il giornalista Marco Ansaldo:

 “Vogliamo ricordare un amico, Marco Ansaldo, con cui abbiamo condiviso tante gioie e qualche dolore, che riposi in pace”.


About Alessandro Mancuso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*