ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Serie A > Inzaghi-Mancini, primo derby fra foto e battute
Inzaghi-Mancini, primo derby fra foto e battute

Inzaghi-Mancini, primo derby fra foto e battute

I due tecnici di Inter e Milan invitati in redazione dalla Gazzetta dello Sport. Non mancano ovviamente foto, sorrisi e battute.

Un abbraccio tra Pippo Inzaghi e Roberto Mancini alla prima insieme in Gazzetta.

L’ex tecnico del City appena arrivato dichiara:

 “Mi ha colpito l’entusiasmo attorno al mio rientro all’Inter, però bisogna fare in fretta, bisogna vincere”.

Con Mancini il d.g. Marco Fassone, mentre Pippo è accompagnato da Adriano Galliani.

L’ad del Milan analizza la situazione in casa Inter ed è in vena di battute:

 “Uno studio-Uefa racconta che il cambio di allenatore dà la scossa per le prime quattro partite e poi la situazione dopo si assesta, torna come prima. Sapete ho pensato anch’io di esonerare Pippo, così quella scossa magari arriva”.

I due si incontrano in via Solferino 28, ovvero la “Casa della Gazzetta”.

Presente anche Alex Zanardi, al quale il Mancio chiede:

 “Posso fare una foto con te?”.

Poi Pippo e Roberto parlano tra loro e si mettono in posa per le foto di rito. “Ma come, non mi abbracci più?”, quanto dichiara scherzosamente Pippo.

Mancini poi parla dei prossimi impegni dei nerazzurri, derby e poi Roma:

 “Il mio un ritorno ad effetto? Penso sia una casualità. Nessun incontro sarebbe stato semplice in Serie A, ma devo dire che cominciare con Milan e Roma è affascinante e difficile. Anzi: forse è meglio avere due gare come quelle contro Milan e Roma subito, così il cervello sta bello sveglio subito”.

Anche Pippo è in trepidazione per il derby:

 “Con i ragazzi mi sono preso grandi soddisfazioni, ora vivo questa avventura al massimo ma non penso subito ai trofei”.

Il Mancio racconta l‘approccio avuto con la squadra:

“Se ho lavorato sulla tattica o sulla psicologia? Porto avanti entrambe, ma ho bisogno di tempo anche se bisogna essere abbastanza veloci nel migliorare. La prima cosa su cui ha fatto leva è stato l’entusiasmo, perché poi sul lavoro tutto si mette a posto. Quando vedremo un’Inter vincente? Per gli obiettivi non c’è una data precisa, ma per i miglioramenti bisogna essere veloci”.

Il derby è iniziato.


About Alessandro Mancuso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*