ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Top&Flop della 15esima giornata di serie A
Top&Flop della 15esima giornata di serie A

Top&Flop della 15esima giornata di serie A

Archiviato l’ultimo turno di serie A, facciamo un passo indietro alla giornata appena trascorsa, e vediamo chi sono stati i top e i flop della 15esima, con un occhio alla media voti riportata da Fantagazzetta sul suo sito.

I TOP. Si segnala innanzitutto Jeremy Menez (7.5), autentico trascinatore del Milan targato Inzaghi: con il Napoli è arrivata l’ottava rete in stagione, tra l’altro bellissima. Quando accende la lampadina, l’ex Roma e PSG è capace di fare sfracelli e incantare con la sua classe.

Sul podio top anche Radja Nainggolan (7.5): contro il Genoa è arrivata un’altra prestazione di sostanza e di carattere, e il centrocampista belga ha dimostrato che è lui, in questo momento, il fattore decisivo della squadra giallorossa. Il gol in sforbiciata bassa sancisce il -1 dalla Juve.

Grandissima prova anche di Felipe Anderson (8), migliore giocatore del turno: con l’Atalanta arrivano due assist e una prova maiuscola della mezz’ala brasiliana, finora autentico oggetto misterioso per i tifosi della Lazio: ora i biancocelesti hanno un’arma in più su cui puntare.

I FLOP. Il primo è sicuramente Neto (4): sul retropassaggio di Savic il portiere viola causa con una paurosa topica l’autogol che riapre il match del Braglia, e che spaventa la Fiorentina poi vittoriosa. Incerto e da rivedere.

Incolore ugualmente la prova di Rolando Bianchi (4.5), l’attaccante dei bergamaschi è davvero la bruttissima copia del giocatore che qualche anno fa spinse il City a portarlo in Inghilterra. Da quando è a Bergamo zero gol all’attivo, e l’età comincia a sentirsi.

E infine c’è anche Arturo Vidal (4.5): il cileno sembra aver davvero smarrito la brillantezza degli anni passati. Con la Samp ha anche rischiato il rosso e mostrato gravi lacune in fase d’appoggio. Forse sente ancora il richiamo di altri campionati, gennaio dirà se Vidal fa ancora parte del progetto Juve o no.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*