ULTIME NEWS
Home > Calcio Estero > Dal Muro Giallo al Monumental, gli stadi più pieni
Dal Muro Giallo al Monumental, gli stadi più pieni

Dal Muro Giallo al Monumental, gli stadi più pieni

In principio fu il Maracanà, lo stadio forse più famoso (e capiente) del mondo, con i suoi 100.000 posti. Ora il sito Underground Football pubblica una classifica molto particolare: quella con la presenza media di tifosi negli stadi in questa stagione.

Al primo posto il Signal Iduna Park di Dortmund (alias Westfalen Stadion) con la media impressionante di 80.434 spettatori: a ogni fine partita casalinga, i ragazzi di Klopp si ritrovano davanti al Muro Giallo della gradinata sud, diventato ormai leggendario in tutt’Europa.

Gli altri gradini del podio sono occupati da due stadi “storici” del calcio europeo: il Santiago Bernabeu (77.117 spettatori) e l’Old Trafford (75.336). Seguono poi il Camp Nou di Barcellona (74.363 posti), l’Allianz Arena di Monaco (71.000) e poi gli stadi di Gelsenkirchen (la Veltins-Arena dello Schalke 04, 61.392 posti) e Londra (sponda Arsenal, Emirates Stadium con una capienza di 59.997 spettatori).

Nella top ten, chiusa dal Volksparkstadion di Amburgo (52.022) e dal Velodrome dell’Olympique Marsiglia (51.858) c’è anche uno stadio extraeuropeo: il famosissimo Antonio Vespucio Liberti del River Plate, più noto come Monumental per i suoi 54.000 posti a sedere.

Nella top 25 sono menzionati anche due realtà che vengono dalla Indian Super League: l’impianto dei Kerala Blasters è in 17esima posizione mentre il Salt Lake Stadium di Calcutta in 24esima.

E gli stadi italiani? Sono qualche gradino più in su degli omologhi indiani… Il primo impianto tricolore, San Siro, è al 19esimo posto, con 47.611 spettatori di media durante le partite del Milan. 33.118 invece i tifosi che in media vanno al Meazza ogni anno a vedere l’Inter.

La Juventus invece, che vanta a detta di molti lo stadio più moderno tra quelli italiani, si colloca al 41esimo posto, con una media di 38.732 spettatori. Da questi numeri, conviene forse ripartire per il rinnovamento del calcio italiano.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*