ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Top&Flop della 16esima di serie A
Top&Flop della 16esima di serie A

Top&Flop della 16esima di serie A

Torna l’appuntamento “Top&Flop” di mondiali.net. La rubrica, giunta alla seconda puntata, raccoglie i tre calciatori migliori e i tre peggiori della giornata di serie A appena trascorsa, sulla base della media voti riportata da Fantagazzetta. Un’ottima occasione per rifarsi gli occhi, ammirare i pupilli della propria fantasquadra e pianificare le giornate future.

Tra i top player della 16esima non si può non iniziare da Franco Vazquez (7.5), il fantasista del Palermo che con le sue giocate ha incantato Bergamo. Nell’emozionante 3-3 finale, “El Mudo” ha sfoderato una prestazione maiuscola, condita da un assist e da una fantastica doppietta (bellissimo il pallonetto dello 0-2). Grande talento.

Al secondo posto, il giocatore che non ti aspetti. Grazie al suo capitano, il Torino si accende in un Glik, anzi due, visto che il difensore polacco (7.5) mette a segno la sua prima doppietta in carriera che consente ai granata di ribaltare il vantaggio del Genoa e portare a casa l’intera posta. Da esempio.

Un’altra grande partita invece per Felipe Anderson (7.5), autore di un’altra doppietta di giornata: due gol alla Scala del calcio e presenza costante sulla linea d’attacco biancoceleste. A Roma, dopo i mugugni iniziali, finalmente i tifosi della Lazio stanno ammirando un giocatore ambientato e incisivo. Sorprendente.

Tra i flop, sicuramente da citare Galloppa (4.5): al San Paolo un’altra prova incolore per lui e per tutto il Parma, ormai incanalato sulla strada della retrocessione, vista anche una situazione societaria caotica che certo non aiuta i giocatori in campo.

Con la stessa media voto ci sono anche due giocatori della stessa squadra: Luca Ceppitelli e Victor Ibarbo (4.5) del Cagliari. Per ora Zemanlandia, a parte le due clamorose trasferte di Milano (contro l’Inter) e Napoli, ha collezionato solo brutte figure, specie in casa, e contro la Juve ha giocato anche una partita remissiva.

Soprattutto Ibarbo non ha ancora conquistato quella continuità di rendimenti che da anni si aspettano in tanti, viste le indubbie qualità tecniche e atletiche del colombiano. Per il difensore, invece, giornata da dimenticare.

Appuntamento al prossimo anno!


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*