ULTIME NEWS
Home > Calcio Estero > L’Imperatore in Ligue2: Adriano torna in campo
L’Imperatore in Ligue2: Adriano torna in campo

L’Imperatore in Ligue2: Adriano torna in campo

Adriano l’Imperatore del pallone. Qualche anno fa il fortissimo attaccante brasiliano sconvolse la serie A a suon di gol e potenza atletica; ora il 32enne carioca riparte dalla Ligue 2 in Francia, e in particolare da Le Havre.

Manca ancora l’ufficialità, ma Adriano Leite Ribeiro si considerà già un giocatore dei normanni transalpini. Il tweet scritto nel giorno di Natale pare molto esplicito: oltre a fare gli auguri natalizi ai suoi nuovi tifosi, l’ex di Fiorentina, Parma, Inter e Roma si è dichiarato felicissimo di iniziare una nuova sfida sportiva.

Lo ‘sbarco in Normandia’ è previsto a cavallo della fine dell’anno, dopo oltre due mesi di trattative, ostacolate dal passaggio di proprietà del Le Havre e da alcune grane giudiziarie che hanno coinvolto il giocatore in patria.

Adriano è quindi pronto a rigiocare, dopo quasi sette mesi di inattività forzata: il giocatore ha vissuto come un trauma il divorzio anticipato dall’Atletico Paranaense. Il brasiliano proverà a ridare lustro alla gloriosa squadra del nuovo proprietario Christophe Maillol: al momento il Le Havre è undicesimo in classifica, a -11 dalla zona promozione.

L’accordo tra Adriano e il Le Havre è stato confermato dal legale del giocatore, Mauro Bousquet, secondo cui è già tutto definito nei minimi dettagli. Bosquet ha dichiarato che il suo assistito si legherà al club francese per i prossimi sei mesi».

Un ritorno in Europa per uno degli attaccanti più promettenti degli ultimi anni. Dal momento del suo arrivo in Italia, Adriano incantò tutti per il suo strapotere fisico e il suo sinistro micidiale. Di proprietà dell’Inter, nei primi prestiti al Parma e alla Fiorentina tra il 2002 e il 2003 gli fruttarono 29 reti in 52 presenze.

Poi Adriano venne richiamato alla casa madre: con i nerazzurri segnò 90 gol in 192 partite tra 2004 e 2009, alcuni davvero bellissimi, come la cavalcata contro l’Udinese del 17 ottobre ’04, 60 metri palla al piede, 3 dribbling sui difensori e cannonata mancina che batte De Sanctis.

Ma l’elenco delle prodezze carioca di Adriano Leite Ribeiro è davvero lunghissimo. Peccato che il talento atletico del campione non sia stato sorretto da un carattere equilibrato: nella sua permanenza a Milano e poi col suo ritorno in Brasile, Adriano ha fatto parlare di sé più per la vita notturna forsennata che per le giocate sul campo.

Qualche mese fa, dopo le esperienze con Flamengo e Corinthians (e la breve apparizione di Roma) l’addio al Paranaense; qualcuno l’aveva addirittura associato al Terracina, squadra che milita nei Dilettanti italiani. Folklore o bufala, il trasferimento non si è realizzato.

Ora Adriano, 27 gol in 48 partite con la Selecao, riparte dalla Francia, da Le Havre, per gridare al mondo che non è un calciatore finito, e che quel suo sinistro è ancora potentissimo.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*