ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Tra sorprese e delusioni: i numeri della serie A
Tra sorprese e delusioni: i numeri della serie A

Tra sorprese e delusioni: i numeri della serie A

27 dicembre: Capodanno si avvicina, e con esso il tempo dei bilanci. E allora ecco i numeri di mondiali.net sulla nostra serie A, giunta alla 16esima di campionato prima della pausa natalizia.

Rispetto all’anno scorso, niente di nuovo sul fronte capolista: il dualismo tra Juventus e Roma è lo stesso di 365 giorni fa. La squadra rivelazione è finora la Sampdoria di Mihajlovic e dell’eclettico presidente Ferrero: +10 punti rispetto all’anno scorso, 27 contro i 17 di fine 2013.

Il simbolo assoluto della rinascita, fisica e psicologica, dei blucerchiati è Stefano Okaka. Cresciuto nella Roma, dopo una lunga serie di prestiti (Modena, Brescia Fulham, Parma e Spezia), con l’approdo a Bogliasco l’attaccante italo-nigeriano ha trovato grande continuità: media voto del 6.25, 3 gol e 1 assist.

Al secondo posto della classifica “dei progressi”, c’è la Lazio, che ha migliorato di sette punti il rendimento rispetto a un anno fa. Tra gli uomini di Pioli manca la vera sorpresa (anche se fin qui i nuovi acquisti Parolo, Basta e Djordjevic hanno confermato le promesse), ma a Formello c’è un altro Stefano, Mauri, che l’anno scorso non giocava e che oggi è già a quota 6 gol in A.

Al terzo posto c’è l’altra genovese: il Genoa di Gian Piero Gasperini ha un ruolino di marcia, che solo le ultime due sconfitte hanno leggermente appannato. Il migliore del Grifone è sicuramente Alessandro Matri, che ha già marcato sei volte il tabellino, servendo anche tre assist: per lui una bella fantamedia del 7.25.

Nell’elenco delle delusioni figura, prima fra tutte, il Parma di Donadoni. Dopo la cocente esclusione dall’Europa League e con una delicata situazione societaria, i ducali hanno perso 13 punti rispetto all’anno scorso: per ora un misero bottino di 6 punti, le uniche vittorie raccolte contro Chievo e Inter.

Emblema delle difficoltà gialloblù è il portiere Antonio Mirante. Fino all’ultima stagione il portiere napoletano era una sicurezza per le Magic-squadre; quest’anno ha subito 30 gol in 13 partite, ha una media del 5.73 e con un complessivo -31 è il giocatore che ha totalizzato più malus tra tutti quelli del listone.

Altra delusione anche per l’Inter: -8 rispetto a dodici mesi fa, a riprova della fallimentare gestione Mazzarri che ha spinto la società a richiamare Mancini. A mancare sono stati soprattutto i gol di Palacio.

L’attaccante argentino, che aveva scatenato l’asta di tanti fantallenatori, ha deluso alla grande: i nove gol dell’anno scorso sono un pallido ricordo rispetto all’unico di quest’anno, segnato tra l’altro nell’ultima contro la Lazio.

Per il Trenza ex Boca e Genoa, una media che si assesta sul 5.58 e anche un rigore sbagliato. Meno otto punti rispetto all’anno scorso anche per il Napoli (che però è terzo e fresco vincitore della Supercoppa) e soprattutto per l’Hellas Verona.

L’anno scorso la squadra di Mandorlini fu tra le sorprese del campionato e sfiorò anche l’Europa. I suoi giocatori migliori, Jorginho e Iturbe, sono emigrati verso altri lidi, ma hanno sostanzialmente deluso le aspettative.

Il primo a Napoli ha una media del 5.5 (661’ giocati), ben altra cosa rispetto alle prime sedici del campionato scorso quando Jorginho, grazie anche al fattore rigori, segnò 7 reti. L’attaccante argentino sbarcato a Roma ha una media del 5.81 e un solo gol all’attivo, contro i 3 gol e un assist del 2013.

Anche su queste statistiche converrà ragionare, in vista dell’asta di riparazione di gennaio.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*