ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Fantacalcio: Top&Flop 18esima giornata vol. I
Fantacalcio: Top&Flop 18esima giornata vol. I

Fantacalcio: Top&Flop 18esima giornata vol. I

Torna l’appuntamento settimanale con la rubrica Top&Flop, lo spazio dedicato ad appassionati e fantallenatori per ri-analizzare voti alla mano le prestazioni dei calciatori della serie A nell’ultima giornata di campionato.

Si comincia, ovviamente, dai top. E si comincia con un ex-aequo, almeno a livello di voti. C’è aria di derby, al primo posto, dove troviamo “il vecchio e il nuovo”, l’eterno Francesco Totti e lo scattante Felipe Anderson, entrambi con un eccellente 8.

Chiaramente, un po’ più in alto si colloca il capitano della Roma, che in un solo giorno, nella partita più sentita dell’anno, dimostra come a 38 anni suonati un campione possa essere ancora decisivo: alla Lazio segna due gol da autentico bomber di razza (bellissimo il secondo in sforbiciata) e diventa così il marcatore più profilico nella stracittadina. 14 magic punti. Immortale.

Sta diventando un habitué di questo spazio l’altro alfiere di giornata, Felipe Anderson. E ormai cominciano quasi a scarseggiare gli aggettivi per definirlo. Contro gli odiati cugini arriva un’altra prova eccezionale, condita da un assist al bacio per la corrente Mauri e un gol, il secondo di fila, con una bordata da fuori area. 11.5 magic punti. Mostruoso.

La grande quantità di 7.5 registrati in giornata ci costringe a doverli suddividere tra secondo e terzo posto. Il punto di discrimine è fissato, arbitrariamente e per comodità, nel voto maggiore o uguale a 11 (x≥11). Gli inconvenienti del mestiere, insomma…

Ecco quindi che, al secondo posto, troviamo i primi tre ex-aequo. Due di questi si sono affrontati nello spettacolare 4-3 di Fiorentina-Palermo: con 7.5 di media conquistano la seconda piazza Manuel Pasqual e Robin Quaison.

Il centrocampista afro-svedese dei rosanero è davvero la sorpresa di giornata: entrato al 52’, segna un uno-due micidiale nel giro di due minuti sfruttando gli errori imbarazzanti della difesa montelliana, e fa calare il panico su tutto lo stadio. Una giornata memorabile per lui, che ora forse pretenderà un posto da titolare. 13.5 magic punti. Stupefacente.

Sul terzino viola della Nazionale si è scritto tanto negli anni passati; ieri davanti al suo pubblico si riprende la gloria perduta, con una prestazione perfetta impreziosita da un gol e da un assist. Per uno che a 32 anni è pure capitano di una squadra prestigiosa, è davvero una grande iniezione di fiducia. Vecchio a chi? 11.5 magic punti.

Mezzo punto in meno, ma doverosa menzione, per Mattia Valoti, figlio d’arte di Aladino e centrocampista dell’Hellas Verona. Contro il Parma entra lui e la partita cambia letteralmente faccia: prima serve l’assist a Toni e poi in contropiede sigla il suo primo gol in A. Promettente. 11 magic punti.

Sotto la soglia degli 11 magic si collocano, ma solo per puro caso, due veterani del nostro campionato. A 10.5 c’è Eder Citadin Martins, sempre più bandiera della Samp-sorpresa di Mihajlovic. Con l’Empoli, sua ex squadra, il brasiliano segna un gol magnifico, suggellando una prestazione di classe e caricandosi sulle spalle i blucerchiati nella rincorsa all’Europa. Sontuoso. 10.5 magic punti.

Nella giornata dei capitani, si fa vedere pure vedere Stefano Mauri: oltre al dirimpettaio Totti, nella grigia giornata dell’Olimpico brilla anche lui, con una partita di sostanza e qualità, e con l’inserimento dello 0-1 che manda in ambasce la difesa giallorossa. Quando il gioco si fa duro, lui c’è sempre. Bandiera. 10 magic punti.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*