ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Fantacalcio: Top&Flop 19esima giornata vol. II
Fantacalcio: Top&Flop 19esima giornata vol. II

Fantacalcio: Top&Flop 19esima giornata vol. II

Palla ora ai Flop di giornata, con alcune sgradite sorprese. La classifica, com’è noto, va letta in ordine crescente, dal voto più basso a quello più alto.

Sul gradino più basso del podio salgono, si fa per dire, con 4 di media voto Jeremy Menez del Milan e Guillermo Rodriguez dell’Hellas Verona, con ques’ultimo peggior calciatore del turno

Il difensore uruguaiano incappa in una delle serate peggiori della sua carriera. Confusionario, impaurito nei contrasti e nella prima impostazione della manovra, l’ex Torino vede i fantasmi ed è lo specchio di una squadra che, in appena 3 giorni, si è vista rifilare 10 gol dalla Juventus. Si becca anche un giallo. 3.5 magic punti. Imbarazzante.

Per l’estroso fantasista francese questa è senz’altro una notizia: nella giornata storta di San Siro, l’ex Psg è la stella che non brilla e non illumina il gioco della sua squadra. Troppo compassato, fa un netto passo indietro rispetto alle prestazioni finora compiute. Ed è la dimostrazione che, senza lui, questo Milan è davvero imballato. 4 magic punti. Svogliato.

Poco più in alto, a 4.5 di media voto, c’è Pontus Jansson del Torino. Il giovane difensore svedese, all’esordio in serie A, fa letteralmente rimpiangere il capitano granata Glik. Provoca pure il rigore del momentaneo 2-2 cesenate con un inspiegabile intervento di braccio in piena area. Con il giallo totalizza 4 magic punti. Rinviato.

Al terzo posto, in coabitazione, altre due delusioni di giornata, di cui una decisamente inaspettata: Alessio Cerci del Milan e Horour Magnusson del Cesena, 4.5 di media voto.

L’ex ala di Torino e Atletico stecca la prima a San Siro: smanioso di mettersi in mostra davanti al suo nuovo pubblico non ne azzecca una, e all’intervallo resta negli spogliatoi, si vocifera per un clamoroso battibecco col compagno Abate. Deve rimettere la testa a posto, se vuole tornare quello dell’anno scorso. 4.5 magic punti. Nervoso.

Il difensore centrale islandese viene addirittura sostituito intorno al 40’ pt, a riprova di una prestazione scadente. Il ragazzo è il simbolo dell’ansia e della paura che stanno spirando sull’ambiente cesenate da inizio stagione: nonostante tutta la buona volontà, la squadra di Di Carlo non riesce a incamerare punti. 4.5 magic punti. Terrorizzato.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*