ULTIME NEWS
Home > Calcio Estero > Coppa d’Asia, Corea del Sud e Australia in semifinale
Coppa d’Asia, Corea del Sud e Australia in semifinale

Coppa d’Asia, Corea del Sud e Australia in semifinale

In Coppa d’Asia avanzano sia la Corea del Sud sia l’Australia. I rossi di Corea avanzano, effettivamente un po’ a fatica. Ci sono voluti infatti i supplementari per avere la meglio sull’Uzbekistan nel primo quarto finale della competizione.

I tempi regolamentari si erano conclusi sullo 0-0, con la nazionale uzbeka parecchio attiva nei primi venti minuti di gioco, in cui il portiere Kim Ying Hyeon si fa trovare pronto in almeno tre azioni pericolose. Poi è il collega Nesterov a sventare altrettante minacce portate alla sua porta dalle Tigre asiatiche. Prima dell’intervallo c’è il primo cambio: esce il capitano degli uzbeki Ahmedov ed entra in campo Kapadze.

La gara resta equilibrata anche nella ripresa: entrambe le squadre provano a vincerla, ma all’alta velocità non corrisponde una giusta freschezza al momento decisivo, e proprio sottoporta le due squadre continuano a difettare. Sono necessari i tempi supplementari.

All’extratime sale in cattedra Heung-Min Son, attaccante del Bayer Leverkusen: con la sua doppietta, al 104’ e al 119’, regala l’agognata semifinale ai compagni e al mister Uli Stielike, dove affronteranno la vincente di Iran-Iraq.

Nell’altra sfida di giornata, l’Australia piega abbastanza agevolmente la Cina: 2-0 per i Socceroos, con Tim Cahill grande mattatore del match. Per l’attaccante australiano arriva una bella doppietta: prima con una splendida rovesciata al 49’, poi con un colpo di testa pregevole al 64’.

Legittimato così il dominio degli australiani, che pure avevano patito nella prima frazione la veemenza e la velocità dei cinesi specie nei primi 25 minuti. Poi i Canguri hanno alzato il baricentro e realizzato il doppio vantaggio, limitando la sterile reazione cinese nel finale. Ora l’Australia aspetta la vincente dello scontro di domani tra Giappone ed Emirati Arabi.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*