ULTIME NEWS
Home > Calcio Estero > In Coppa d’Africa è un dominio dei pareggi
In Coppa d’Africa è un dominio dei pareggi

In Coppa d’Africa è un dominio dei pareggi

Si è completato il secondo turno della fase a gironi della Coppa d’Africa. Nel gruppo B qualcosa comincia a smuoversi: la Tunisia batte lo Zambia 1-2 in rimonta e vola in testa alla classifica. Al vantaggio di Mayuka al 60’ le Aquile di Cartagine rispondono al 70’ con Akaichi e piazzano il sorpasso con Chikhaoui all’89’.

Nell’altra sfida del girone, nuovo pari per Capo Verde e Repubblica Democratica del Congo: finisce 0-0. Ora la classifica recita: Tunisia 4, Capo Verde e RD Congo 2, Zambia 1. Decisivo il prossimo turno, con Capo Verde-Zambia partita da dentro o fuori.

Nel gruppo C, il Ghana si risveglia dopo la sconfitta della prima giornata: a dare la vittoria alle Stelle Nere contro l’Algeria degli ‘italiani’ ci pensa il capitano Asamoah Gyan con un gol in pieno recupero al 92’. Il discorso qualificate è rinviato, visto il pari 1-1 tra Sudafrica e Senegal: vantaggio dei Bafana Bafana con Manyisa al 47’, pareggio dei Leoni della Teranga con Mbodj al 60’.

La classifica è assai equilibrata anche qui. Senegal 4; Ghana e Algeria 3; Sudafrica 1. Decisivo il prossimo turno, che prevede un Senegal-Algeria ad alta tensione.

Nel girone D domina invece l’equilibrio più assoluto possibile: anche stavolta, come nella prima giornata, si sono registrate due pareggi, e anche stavolta per 1-1.

Un gol a testa tra Costa d’Avorio e Mali: privi dello squalificato Gervinho, gli Elefanti sono andati sotto per il gol di Sako (compagno di squadra dell’altro romanista Seydou Keita) al 7’ e hanno acciuffato il pari solo all’86’ con Gradel.

1-1 anche tra Camerun e Guinea. I Leoni erano andati avanti con gol direttamente da calcio d’angolo di Moukandjo al 13’, ma i guineani di Michel Dussuyer hanno impattato con Traoré al 42’. Ovviamente, la classifica del gruppo D vede tutte le squadre a 2 punti; inutile dire che la prossima giornata sarà quella decisiva.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*