ULTIME NEWS
Home > Calcio Estero > Coppa d’Asia, l’Australia trionfa con due italiani!
Coppa d’Asia, l’Australia trionfa con due italiani!

Coppa d’Asia, l’Australia trionfa con due italiani!

L’Australia vince la sua prima Coppa d’Asia a casa sua, a Sidney, davanti ai propri tifosi, e a un italiano d’eccezione: Alessandro Del Piero, Global Ambassador della manifestazione asiatica, e che proprio a Sidney ha giocato per due stagioni dal 2012 al 2014. Comunque, il successo per 2-1 ai supplementari sulla Corea del Sud vale all’Australia la conquista del primo titolo continentale della propria storia.

Ma a ben guardare, se uno volesse vederci un po’ di tricolore italiano, potrebbe consultare il tabellino dei marcatori: il match winner, infatti, è James Troisi, attaccante ex Juve e Atalanta, di chiare origini italiane (il padre, napoletano, è tale Albino, emigrato in Oceania diversi anni fa).

Troisi, che ora milita nello Zulte Waregem (prima divisione belga) in prestito dalla Juventus, ha marcato la rete della vittoria al minuto 106, in pieno recupero del primo tempo supplementare.

I tempi regolamentari si erano infatti chiusi sull’1-1, raggiunto dai coreani proprio in pieno recupero: al 92’ infatti Son Heung-Min, prolifico attaccante del Bayer Leverkusen, aveva pareggiato una partita per larghi tratti dominata dai Socceroos.

Sugli spalti i ‘canguri’ stavano già preparando la festa, visto il vantaggio realizzato al 45’ da Massimo Luongo, un altro calciatore di evidenti origini italiane, centrocampista dello Swindon Town (terza serie inglese) con un passato nel Tottenham.

Grazie a due italiani, dunque, i gialloverdi hanno potuto brindare al loro primo successo asiatico. Per Tim Cahill e compagni la Coppa arriva dopo il tentativo fallito nel 2011, quando nella finale di Doha in Qatar furono sconfitti 1-0 dal Giappone.

La Corea del Sud si ferma nuovamente sul secondo gradino del podio: è dal 1960 che i coreani non riescono ad alzare la Coppa, ed è il secondo ko in finale dopo quello con l’Arabia Saudita nel 1988. Una maledizione che a Seoul vorranno presto sconfiggere.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*