ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Serie B: Bologna e Livorno macinano, si sveglia l’Entella
Serie B: Bologna e Livorno macinano, si sveglia l’Entella

Serie B: Bologna e Livorno macinano, si sveglia l’Entella

Si è disputata tra ieri e oggi la 25esima di serie B, che verrà completata dal posticipo delle 18 di domani fra Ternana e Brescia. Rinviata per neve Modena-Catania (si giocherà mercoledì), balzano agli occhi le vittorie della seconda e della terza in classifica: Bologna e Livorno continuano infatti la loro rincorsa alla capolista Carpi, bloccata ieri nell’anticipo di Trapani sullo 0-0.

I rossoblù di Lopez vincono in trasferta contro il fanalino Crotone: match winner il centrocampista Laribi, autore di una delle tante doppiette di giornata. Il primo gol arriva al 24’ con un’invenzione dalla trequarti che sorprende Stojanovic, il secondo in mischia al 53’ con un preciso diagonale dopo una mischia. Al 72’ il Crotone può anche riaprirla, ma Torregrossa si fa ipnotizzare su calcio di rigore dal bravo Coppola.

È invece amaro il ritorno a Livorno per Davide Nicola, ora tecnico del Bari: gli amaranto toscani puniscono con un pokerissimo i galletti pugliesi, finisce 5-2 al termine di una partita spettacolare, dominata dai labronici per ben 80 minuti.

Fino a quel momento il Livorno era in vantaggio 3-0, gol di luci al 5’, Vantaggiato al 10’ e Maicon al 66’; poi in appena 60 secondi il Bari ha il merito di riaprirla con un uno due infido: l’autogol di Luci e la rete di Caputo rimettono la squadra di Nicola in carreggiata, è 3-2. Ma il Livorno non si scompone, e in 120 secondi sistema le cose, prima con Siligardi all’89’ e poi ancora con Vantaggiato al 91’ (altra doppietta del turno).

Ma non mollano neppure Avellino e Frosinone. Gli irpini, dopo aver sbancato La Spezia, si confermano in casa battendo il Latina di misura, grazie a una prestazione tutta grinta e dopo aver rischiato di capitolare per un calcio di rigore che il nerazzurro Olivera spara alto.

Il gol partita, guarda un po’, è di Gigi Castaldo che al 74’ porta avanti i suoi che erano rimasti in dieci per l’espulsione di Chiosa in occasione del rigore. Al Latina saltano i nervi, e Oduamadi si fa cacciare ristabilendo la parità. I nerazzurri restano confinati all’ultimo posto.

L’altra squadra laziale invece torna al successo, battendo in rimonta il Lanciano: al Matusa finisce 2-1 per i ciociari che, dopo aver sofferto per tutto il primo tempo i frentani andati in vantaggio con Monachello al 10’, si riprendono i tre punti dopo un assalto continuo: prima il pari di Paganini al 53’, poi il sorpasso del neogialloblù Sammarco regalano la vittoria a Stellone e co., con cui riparte la caccia ai playoff.

Dietro, in un sol colpo il Vicenza scavalca gli abruzzesi e lo Spezia e si mette in una posizione più che comoda. Contro il Perugia i biancorossi rimontano lo 0-1 iniziale di Lanzafame al 24’ del primo tempo con super Cocco-gol: per il bomber vicentino arriva la prima tripletta in biancorosso, che lo porta a 11 gol personali (5 in appena due giornate). L’attaccante ex Cagliari e Albinoleffe va a segno al 47’, al 58’ e al 73’. La squadra di Marino ottiene così la sua terza vittoria consecutiva.

Si diceva dello Spezia, che ora non sa più vincere. Nel derby ligure giocato a Chiavari, è la Virtus Entella a sorridere, grazie all’ultimo arrivato Nando Sforzini: sua la doppietta decisiva al 76’ e all’85’ che regala ai biancoazzurri la prima vittoria del 2015; vittoria ancora rinviata per Bjelica e i suoi.

Due gli 1-1 di giornata, entrambi scaturiti negli ultimi minuti di gioco. Sono quelli di Pescara-Cittadella, con i veneti che dopo essere andati in vantaggio con Stanco al 28’, si fanno riprendere sul più bello da Bjarnason che al 95’, quinto minuto di recupero, spinge in rete un pallone piovuto in un’area affollatissima. Tre punti salvezza gettati al vento per la squadra di Foscarini.

L’altro pari, maturato proprio allo scadere, è quello tra Varese e Pro Vercelli: a segno prima gli ospiti al 60’ con il consueto gol di Marchi, che poi si fa espellere; il pareggio arriva proprio al 90’ con un tocco di Borghese sottoporta. Rissa in tribuna autorità, sedata a fatica dalla polizia.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*