ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Lotito vs. tutti: le piccole di B non portano diritti tv
Lotito vs. tutti: le piccole di B non portano diritti tv

Lotito vs. tutti: le piccole di B non portano diritti tv

Dopo Tavecchio, Lotito. In Lega Calcio domina il caos e dopo le ultime uscite del patron federale Carlo Tavecchio, nell’occhio del ciclone sta finendo il presidente della Lazio Claudio Lotito, a causa di un’intercettazione telefonica pubblicata sul proprio sito da Repubblica.

Nella telefonata incriminata Lotito parla con il direttore generale dell’Ischia, Pino Iodice: «Ho detto ad Abodi: se me porti su il Carpi… se me porti squadre che non valgono un c… noi tra due o tre anni non c’abbiamo più una lira. Se c’abbiamo Frosinone, Latina, chi li compra i diritti?…»

L’interlocutore ha deciso di registrare la conversazione e di renderla pubblica perché, sostiene, il numero uno di Lazio e Salernitana continua a fare pressioni. Nella telefonata Lotito ne ha per tutti: minimizza sul valore e sul ruolo di Beretta in Lega A e di Macalli in Lega Pro, critica il presidente AIA Nicchi, poi si vanta di avere quasi la totalità dei voti tra i 20 club della massima serie.

E infine la conclusione, argomento i diritti tv. Un calcio violento alle ambizioni di serie A di alcuni club che stanno ben figurando nel campionato di Serie B di quest’anno, dal Frosinone alla capolista Carpi. Come a dire che gli interessi da tutelare sono quelli dei diritti tv, e non la meritocrazia sportiva.

Lotito prova a difendersi e discolparsi, asserendo che la sua è una lotta aspra contro un sistema conservativo, in nome di una gestione più trasparente del sistema calcio. Ma le reazioni sono state immediate: in primis quella del presidente Abodi, che su twitter ha assicurato «conta solo il campo e questo principio vale per tutti noi della B: 22 Club e la Lega!».

Il sindaco di Carpi Alberto Bellelli si mostra ferito per le frasi del presidente laziale: «se i vertici del calcio italiano credono che le squadre di provincia non possono andare in A, questo non è in linea con lo spirito dello sport. Il Carpi è una favola, e le favole non solo non fanno perdere diritti, ma fanno bene al racconto dello sport».

Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*