ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Tour of Oman, scatta l’ora di Andrea Guardini!
Tour of Oman, scatta l’ora di Andrea Guardini!

Tour of Oman, scatta l’ora di Andrea Guardini!

Parla italiano la prima tappa del Tour of Oman 2015, breve corsa a tappe classificata 2.HC dall’Uci, di scena nel piccolo stato della penisola arabica. A trionfare nel primo sprint è Andrea Guardini, velocista della Astana che, dopo diversi piazzamenti tra Dubai e Qatar, trova finalmente il modo di mettere la propria ruota davanti a tutti gli altri, indossando anche la prima maglia di leader.

Il primo dei battuti è Tom Boonen (Etixx-QuickStep), seguito da un altro azzurro, Matteo Pelucchi (IAM Cycling) ed Alexandre Kristoff (katusha),l dominatore degli sprint qatarioti. Terzo italiano nella top ten è Sacha Modolo (lampre – Merida), giunto nono.

Tappa caratterizzata da una fuga che ha visto protagonisti il giovane Simone Andreetta (Bardiani – CSF), Patrick Konrad (Bora – Argon18), Johan Van Zyl (MTN – Qhubeka) e Jef Van Meirhaeghe (Topsport Vlaanderen). L’ultimo a resistere è il corridore del team sudafricano, che stacca gli altri battistrada, ma deve arrendersi all’avanzata del plotone trainato dalle squadre dei velocisti, tra i quali l’azzurro ha quest’oggi dimostrato di essere il più forte.

Ordine d’arrivo 1^ tappa:

1. Andrea Guardini (Astana)
2. Tom Boonen (Etixx – QuickStep) st
3. Matteo Pelucchi (IAM Cycling) st
4. Alexander Kristoff (Katusha) st
5. Ramon Sinkeldam (Giant-Alpecin) st
6. Nacer Bouhanni (Cofidis) st
7. Peter Sagan (Tinkoff-Saxo) st
8. Sam Bennett (Bora-Argon18) st
9. Sacha Modolo (Lampre-Merida) st
10. Arnaud Démare (FDJ) st

Classifica generale:

1. Andrea Guardini (Astana)
2. Tom Boonen (Etixx-QuickStep) a 4″
3. Patrick Konrad (Bora-Argon18) a 5″
4. Matteo Pelucchi (IAM Cycling) a 6″
5. Johan Van Zyl (MTN-Qhubeka) a 7″
6. Simone Andreetta (Bardiani – CSF) a 9″
7. Alexander Kristoff (Katusha) a 10″
8. Ramon Sinkeldam (Giant-Alpecin) st
9. Nacer Bouhanni (Cofidis) st
10. Peter Sagan (Tinkoff-Saxo) st


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*