ULTIME NEWS
Home > Calcio Estero > Bundesliga > Attenta Juve, il Dortmund s’è risvegliato: 2-3 a Stoccarda
Attenta Juve, il Dortmund s’è risvegliato: 2-3 a Stoccarda

Attenta Juve, il Dortmund s’è risvegliato: 2-3 a Stoccarda

Il Borussia Dortmund forse si è destato sul serio dal letargo, in effetti parecchio lungo, di questa stagione. La squadra a due facce di Jurgen Klopp, schiacciasassi in Champions e fanalino in Bundes, vince in casa dello Stoccarda per 2-3 e sale, momentaneamente al decimo posto in classifica. Una bella boccata d’ossigeno per una compagine che, prima di oggi, annaspava in piena zona retrocessione.

I segnali più preoccupanti per la Juventus vengono dall’attacco giallonero, 10 gol nelle ultime 3 gare: Reus è vivace e spigliato, Kagawa è in fase ispirazione e Aubameyang sta segnando tanto (4 gol negli ultimi 270 minuti). Immobile, ora, è spettatore.

Al 25’ il Dortmund passa con la premiata ditta: Reus salta tutti, Kagawa serve il gabonese che sigla l’1-0. Ma il Borussia quest’anno ha una difesa particolarmente ballerina che al 31’ sugli sviluppi di un corner regala ai padroni di casa il rigore del pari che Klein trasforma. Al 39’ Gundogan riporta in vantaggio il BVB. La squadra però resta spezzata in due tronconi: in attacco è rapida e fa divertire, in difesa va in panico completo e fa piangere.

Nella ripresa prima Reus e poi Niedermeier ancora su calcio di angolo fissano il risultato sul 2-3 per gli ospiti. Klopp centra per la prima volta in stagione tre vittorie di fila in Bundesliga, solo il Werder attualmente ha una serie migliore nel campionato tedesco.

Peccato per Ciro Immobile che, dopo l’attacco influenzale di questa settimana, ha festeggiato il suo 25esimo compleanno dalla panchina: la terza di fila. Pure coincidenze, si dirà.

L’anticipo di Stoccarda consegna comunque un Borussia rinfrancato nei risultati ma non nel gioco complessivo. La Juventus però sa di avere di fronte una squadra esplosiva, giovane e sfacciata: i gialloneri in versione europea sono brutti clienti. Ora testa a martedì.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*