ULTIME NEWS
Home > Fantacalcio > Fantacalcio Top&Flop cap. I
Fantacalcio Top&Flop cap. I

Fantacalcio Top&Flop cap. I

Torna Top&Flop, l’appuntamento fisso per i fantallenatori. E come sempre la puntata si divide in due parti. In questa prima c’è il podio dei migliori di giornata.

Al primo posto c’è una vecchia conoscenza di questo spazio: Felipe Anderson della Lazio (8). A Roma sponda biancoceleste ormai si sono tutti innamorati di lui: da oggetto misterioso l’ala brasiliana è diventata il fiore all’occhiello della squadra di Pioli, che marcia spedita verso un posto in Europa. Ora che è rientrato, FA7 è pronto a regalare ancora tanti gol e assist come domenica. 12 magic punti. Spettacolare.

Al secondo posto ex aequo ci sono “il vecchio e il nuovo” del campionato. Il primo è Kamil Glik (7,5), il capitano indemoniato del Torino formato Europa di Gianpiero Ventura. Il difensore polacco domenica ha marcato il suo sesto gol stagionale, un record personale non solo nella sua carriera in granata (11 gol totali da 4 anni a oggi) ma anche nell’elenco di tutti i difensori di A. Se poi continua a essere un muro invalicabile, allora il Torino può davvero sognare. 10,5 magic punti. Gigantesco.

L’altro secondo di giornata è, si diceva, il nuovo, ossia Mohamed Salah della Fiorentina (7,5). L’egiziano sbarcato da Londra sta incantando la Viola con le sue prodezze e i suoi gol (4 in 5 partite tra campionato e coppa). Domenica a San Siro doveva riposare dopo le fatiche di Europa League: è entrato, ha corso e ha segnato. Meglio di così, Montella non può avere. 10,5 magic punti. Cecchino.

Al terzo posto, anche se con una media voto pari a quella dei secondi, c’è Franco Brienza del Cesena (7,5). Il trequartista ex Palermo e Atalanta è una delle note migliori della squadra romagnola targata Di Carlo che, dopo una prima parte di stagione mediocre, ha rialzato la cresta e si sta riscattando a suon di prestazioni. Merito anche dell’ala tascabile, che quando non segna regala l’assist come domenica. 8,5 magic punti. Peperino.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*