ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Dalla Ferrari al dottor Rossi: è estasi Italia!
Dalla Ferrari al dottor Rossi: è estasi Italia!

Dalla Ferrari al dottor Rossi: è estasi Italia!

Momenti di gloria per lo sport azzurro. La domenica che ci lasciamo alle spalle ha regalato attimi intensissimi ed emozionanti ai milioni di appassionati incollati agli schermi televisivi: la Ferrari ritrova la vittoria dopo due anni e stravince il GP di Malesia di Formula 1, Valentino Rossi conquista il GP del Qatar di MotoGP al termine di una gara dominata dai piloti italiani.

Un successo certamente inatteso, quello firmato in mattinata dal Cavallino rampante che, sul circuito di Sepang, si rende artefice di una vera impresa, colmando quel distacco apparentemente incolmabile con le due Mercedes di Lewis Hamilton e Nico Rosberg. E invece Sebastian Vettel ha sfoderato la sua classe di quattro volte campione iridato e, assieme ad una strategia di gara esemplare da parte dello staff guidato da Maurizio Arrivabene, ha portato a casa il successo.

Sotto la bandiera a scacchi la gioia del pilota teutonico è incontenibile: “Forza ragazziiiiii” grida, aggiungendo un sentito “Grazie grazie grazie” rivolto a tutti i tecnici che hanno permesso alla scuderia di Maranello di voltare pagina dopo uno degli anni più bui della sua gloriosa storia. Ora piedi saldi a terra, ma la cura Sergio Marchionne sembra già funzionare.

Dalla Rossa al dottor Valentino Rossi: al GP del Qatar il pilota marchigiano della Yamaha, partito dall’ottava posizione, riesce a far suo il primo appuntamento stagionale, al termine di una gara dominata dagli italiani e conclusa con il secondo posto di Andrea Dovizioso e Andrea Iannone in sella alle Ducati.

Splendida la lotta per il successo tra il pesarese ed il romagnolo negli ultimi giri, con il primo riuscito ad avere la meglio in virtù della sua esperienza e di piccolissime sbavature del suo avversario, che ha comunque portato in alto la scuderia di Borgo Panigale.

E così, sul podio, tre nostri portacolori: una visione che non ha eguali. Tre bandiere italiane, dopo che una quarta – il Cavallino – era già sventolata qualche migliaio di chilometri più a est. E mettiamoci pure una quinta… guarda caso di un altro “rosso”… quel Luca Paolini che ha conquistato, nel ciclismo, la Gand-Wevelgem, una delle grandi Classiche del pavè che all’Italia mancava dai tempi di Re Leone Mario Cipollini (2002).

Una domenica rossa, di successo, italiana!


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*