ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Serie B, tutti i risultati, aspettando il derby laziale
Serie B, tutti i risultati, aspettando il derby laziale

Serie B, tutti i risultati, aspettando il derby laziale

Nello scorso weekend, spalmata in due giorni, è andata in scena la 33esima giornata del campionato di Serie B. Rinviato l’attesissimo derby Frosinone-Latina (il primo al Matusa in cadetteria, la data del recupero ancora non è stata fissata), tanti sono stati i risultati degni di nota.

Il Carpi di Castori continua la sua – ormai non più miracolosa – galoppata verso la Serie A: i biancorossi sbancano 1-2 il Menti di Vicenza grazie alla doppietta di Kevin Lasagna: un uno-due micidiale grazie alle reti firmate al 3’ e al 16’, che permette alla banda carpigiana di allungare a undici la serie di risultati utili consecutivi.

Il gol del solito Cocco per il Vicenza, al 50’, non cambia la sostanza: il Carpi continua a volare, ma anche i veneti hanno mostrato di essere una squadra da vertice.

La capolista mantiene i 9 punti di vantaggio sul Bologna, che finalmente sfata il tabù Dall’Ara: i rossoblù vincono 2-0 sul Livorno di Panucci, mettendo fine a un’astinenza da gol che in casa durava da ben 521 lunghissimi minuti. Le reti decisive portano la firma di Oikomonou al 60’ e Sansone al 78’. Per il Livorno non funziona ancora la cura Panucci, due ko in due partite: Spinelli non sarà affatto contento.

Un punto a testa tra Spezia e Pescara: al Picco finisce 2-2, tra due squadre che stanno viaggiando a forte andatura nella corsa playoff.

I biancoazzurri abruzzesi vanno in vantaggio per due volte, con Melchiorri al 33’ e Brugman al 56’, ma si fanno per due volte riagguantare, prima da Brezovec al 46’ e poi da Stevanovic all’80’. E lo Spezia giocava dal 48’ in dieci per la doppia ammonizione rimediata da Giannetti. Restano intatte le possibilità playoff sia per Bjelica che per Baroni.

Anche perché, in attesa del Frosinone, dietro rallentano un po’ tutte, a iniziare dall’Avellino di Rastelli: è la sorpresa di giornata, visto che gli irpini vengono sconfitti 1-0 al Massimino di Catania da una squadra in caduta libera. È Emanuele Calaiò, 16esimo centro stagionale, a tenere in piedi le speranze salvezza dei rossoazzurri, con un calcio di rigore segnato al 43’. Il guaio inguaia i biancoverdi campani, al terzo ko di fila.

Frena anche il Perugia, che davanti al proprio pubblico non solo non sfonda, ma rischia di capitolare contro un Crotone ordinato e coraggioso: finisce 0-0. Quarto risultato utile consecutivo per gli ospiti; grifoni che escono tra i fischi dei loro supporter.

Si rimette in assetto playoff, invece, il Lanciano: i frentani battono 1-0 la Virtus Entella tra le mura amiche grazie a un gol di Grossi al 77’ che risolve una partita dominata dall’equilibrio.

Poco più dietro vince anche il Bari di Nicola: contro la Pro Vercelli al San Nicola finisce 1-0 per i galletti, grazie al gol di Bellomo siglato al 54’. Per i biancorossi pugliesi la promozione non è più un miraggio; per i piemontesi invece è la tredicesima sconfitta fuori casa.

Finiscono in pareggio tutte le altre. Cittadella-Ternana finisce 0-0, dopo una gara ricca di emozioni, che forse avrebbe premiato ai punti i padroni di casa.

Il Varese non riesce proprio a guarire: a Modena finisce 1-1, per le reti di Borghese al 38’ e del solito Granoche al 68’ su rig.

Altro pari, nel posticipo domenicale, tra Brescia e Trapani: l’1-1 porta le firme di Sodinha al 16’ e Barillà al 74’. È un pari che serve tanto ai siciliani di Cosmi, e che invece avvicina le rondinelle bresciane al baratro della Lega Pro, sempre più vicina dopo una stagione letteralmente disgraziata.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*