ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Serie B: risorgono Brescia e Ternana, bene Avellino e Livorno
Serie B: risorgono Brescia e Ternana, bene Avellino e Livorno

Serie B: risorgono Brescia e Ternana, bene Avellino e Livorno

Dopo il super anticipo di mercoledì, la serata di Serie B ha dato risultati importanti sia in vetta che in coda alla classifica.

Dopo tre sconfitte consecutive, l’Avellino di Rastelli ritrova la via della vittoria: al Partenio gli irpini battono di misura il coraggioso Modena della coppia Melotti-Pavan grazie al primo gol stagionale di Zito, al 32’. Gli irpini salgono così al quarto posto in classifica, scavalcando il Frosinone e arrivando ad appena un punto dal Vicenza terzo.

La squadra di Marino frena in trasferta: i biancorossi fanno 1-1 con la Pro Vercelli. Il risultato è firmato dai due rispettivi bomber: Marchi segna per le bianche casacche al 60’, dopo aver fallito un rigore nel primo tempo; Cocco pareggia su penalty al 70’. E la prossima settimana l’anticipo sarà proprio Vicenza-Avellino.

Il bomber dei bianconeri aggancia Granoche e Calaiò a quota 17, per quello biancorosso sedicesimo sigillo stagionale. Finale amaro per la Pro, che proprio in pieno recupero perde proprio Marchi: per lui frattura dell’avambraccio.

Si diceva del Frosinone, che inciampa 3-1 sullo sgambetto del Trapani: gli amaranto di Cosmi vanno in vantaggio con Falco al 10’, vengono raggiunti da Matteo Ciofani al 57’, ma poi mettono la freccia con Barillà quattro minuti dopo e con il rigore di Terlizzi all’81’. Per i siciliani è il quarto risultato utile consecutivo; brusca frenata invece per i ciociari.

Frena con decisione anche lo Spezia di Bjelica, che scivola allo Scida di Crotone con un secco 2-0. A decidere la gara è la doppietta di Padovan all’8’ e al 56’. Sul risultato però influiscono tanto le decisioni dell’arbitro: lo Spezia recrimina per due rigori negati e per il rosso rifilato a Migliore dopo appena 20 minuti. Un incidente che frena per ora le ambizioni dei liguri.

Risorge finalmente il Livorno targato Panucci: all’Ardenza gli amaranto superano la Virtus Lanciano con un eurogol del bulgaro Galabinov al 45’. I labronici conquistano così tre punti pesantissimi nell’economia del campionato: ora tra il terzo posto del Vicenza a 53 punti e la batteria delle seste a 50 punti, ci sono ben 6 squadre, Livorno compresa.

Anche perché un altro tonfo clamoroso è quello del Pescara, che all’Adriatico viene steso 2-3 dal Brescia, che finalmente resuscita dopo cinque turni di astinenza. Grande mattatore della serata è l’attaccante delle rondinelle Daniele Corvia, autore di una tripletta: prima, al 6’ e al 51’, riagguanta il doppio vantaggio pescarese arrivato con Memushaj al 4’ e Bjarnason al 15’, poi al 72’ firma addirittura il sorpasso bresciano.

La squadra lombarda abbandona così l’ultimo posto; il Pescara esce invece momentaneamente dalla griglia dei playoff.

Griglia in cui invece entra ufficialmente il Perugia, dopo la vittoria sulla Virtus Entella per 0-2: il trionfo perugino è firmato da Ardemagni al 35’ e Falcinelli al 77’. Per gli umbri una bella iniezione di fiducia; i liguri dal canto loro ricominciano a guardarsi le spalle.

Anche perché ora sono in tante a spingere, a iniziare dal Latina, che vincendo 3-2 col Cittadella, agguanta proprio l’Entella.

Al Francioni nerazzurri e veneti danno vita a un saliscendi di emozioni, che alla fine premia la squadra di Iuliano: dopo il vantaggio patavino di Gerardi al 20’, il Latina passa avanti con l’autogol di Signorini al 60’ e Bidaoui al 65’, nuovo pareggio giallogranata con Kupisz al 72’; sigillo finale di Dellafiore al 77’.

Torna a vincere dopo un digiuno lunghissimo la Ternana: al Liberati gli umbri matano 2-0 il Bari grazie alla doppietta di un super Ceravolo, al 63’ e al 74’. La vittoria ai rossoverdi mancava da quasi due mesi e ridà loro grande fiato; i galletti devono ricominciare la corsa ai play off.

E infine, la vittoria forse più importante in chiave salvezza la conquista il Catania di Marcolin, che sbanca Varese con un rotondo 0-3: è la prima vittoria in trasferta dei siciliani, che riaccendono le loro speranze di permanenza nella categoria. La gara è decisa da Maniero al 39’, Castro al 45’ e dall’onnipresente in zona gol Calaiò, che col gol del 64’ conquista la vetta della classifica cannonieri.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*