ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Milan, forse la svolta: domenica arriva Mr Bee
Milan, forse la svolta: domenica arriva Mr Bee

Milan, forse la svolta: domenica arriva Mr Bee

Ci siamo: è tutto pronto in casa Milan per il passaggio di proprietà. Quello di ieri, dunque, potrebbe essere stato l’ultimo derby di Berlusconi da presidente rossonero. Gli acquirenti stanno man mano uscendo allo scoperto e presto potrebbe esserci la fumata bianca: in vantaggio il broker thailandese Bee Taechaubol, che domenica 26 dovrebbe pure essere ricevuto ad Arcore nella residenza dell’attuale patron del Diavolo.

L’altra cordata, che fa capo al magnate di Hong Kong Richard Lee, sembra al momento tagliata fuori. Mr Bee infatti ha avuto il merito di aver tentato il primo affondo e di aver bruciato i tempi.

L’analisi dei conti e dei bilanci della società di Via Turati si è conclusa e la cordata thailandese sta stringendo i tempi per chiudere l’affare: l’offerta messa sul piatto da Taechaubol e con scadenza a fine aprile è di circa 500 milioni per rilevare il 60 per cento delle azioni, compreso il passaggio delle stesse entro fine anno.

Quello di domenica potrebbe dunque essere l’incontro decisivo, dopo che l’uomo d’affari thailandese aveva diffuso un messaggio pubblico prima del derby, dichiarando che avrebbe fatto un grande tifo per i rossoneri e chiudendo con un eclatante «Forza Milan!».

Nel progetto di Mr Bee – come anticipato nei giorni scorsi dalla Gazzetta dello Sport – il finanziere Pablo Victor Dana, che sta facendo da tramite tra il thailandese e Berlusconi, prenderebbe il posto di Adriano Galliani in qualità di amministratore delegato; il ruolo di direttore tecnico andrebbe a Paolo Maldini.

È verosimile però pensare che la cordata cinese non resterà a guardare: nei prossimi giorni è atteso il lancio dell’offerta da parte del gruppo di Richard Lee. Berlusconi, dal canto suo, si frega le mani: un’asta a due per la sua creatura milanista alzerebbe di tanto la quotazione e porterebbe in dote all’ex Cav un tesoretto mica male.

Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*