ULTIME NEWS
Home > Fantacalcio > Fantacalcio Top&Flop, 31a giornata: parte I
Fantacalcio Top&Flop, 31a giornata: parte I

Fantacalcio Top&Flop, 31a giornata: parte I

Riecco Top&Flop, la rubrica dedicata al Fantacalcio. La 31esima giornata è stata abbastanza avara di prodezze – o nefandezze – memorabili. La prima parte della classifica comincia, ovviamente, con l’elenco dei migliori.

E al primo posto c’è il calciatore che non aspetti: è Ivajlo Atanasov Čočev del Palermo (7,5). Il bulgaro Čočev – o Chochev, se preferite – si prende tutti gli applausi del Barbera in festa: due perle che lo proiettano di diritto come rivelazione dei rosanero.

Dopo essere approdato in Sicilia la scorsa estate dal CSKA Sofia, ha cominciato la stagione in sordina; ora, in appena due gare, ha segnato tre gol. Una sorpresa che fa piacere a mister Iachini e al patron Zamparini. 13,5 magic punti. Carneade.

Al secondo posto c’è un difensore goleador: Leonardo Bonucci della Juve (7,5). Il regista difensivo dei bianconeri ha sfoggiato un’altra prestazione da incorniciare contro la Lazio.

Grande prova nel dettare i tempi in retroguardia, provvidenziale salvataggio su Klose ed eccezionale marcatura del 2-0 dopo un formidabile coast to coast di oltre 50 metri: il Bonnie viterbese sta attraversando forse la sua migliore stagione in carriera. 10,5 magic punti. «Sciacquàteve la bocca».

Al terzo posto l’eroe di Firenze, il portiere Rafael de Andrade Bittencourt Pinheiro dell’Hellas Verona (7,5). È grazie a lui se i gialloblù di Mandorlini riescono a sbancare il Franchi dopo una partita di grande compattezza e organizzazione.

Rafael prima stoppa la girata di testa di Gilardino, poi procura il rigore che potrebbe dare il vantaggio alla Viola – ammonito nell’occasione, ma si fa immediatamente perdonare: con balzo felino si getta alla sinistra e neutralizza il tiro di Diamanti. Se non avesse avuto un fastidioso infortunio quest’anno… e non è il primo rigore che para, nei due anni di Serie A… 10 magic punti. Sempre affidabile.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*