ULTIME NEWS
Home > Coppe Europee > Champions League > Champions: al Camp Nou esplode la stella di Neymar
Champions: al Camp Nou esplode la stella di Neymar

Champions: al Camp Nou esplode la stella di Neymar

Al Camp Nou c’era poco da giocarsi: l’1-3 dell’andata in favore del Barca non lasciava tanto spazio alle velleità di rimonta del Psg. Eppure in campo c’era un elenco di campioni lungo così: Ibrahimovic, Cavani, Pastore vs. Iniesta, Messi, Suarez (l’eroe del Parco dei Principi una settimana fa) e tanti altri. Tanti, compreso uno: un certo Neymar.

Il brasiliano ex Santos, per una sera, ha offuscato i compagni d’attacco, uscendo dalla scomoda posizione di ‘numero due’ della squadra blaugrana dietro sua maestà Leo Messi e prendendosi uno scettro che sognava di conquistare in ambito europeo dall’inizio della stagione.

Nella notte Champions O’Ney ha brillato come un extraterrestre in mezzo a tanti fenomeni, sfruttando alla grande l’occasione di una partita che ormai aveva poco da dire sul fronte qualificazione.

Il 23enne attaccante carioca ha illuminato la platea incantata del Camp Nou con una doppietta favolosa. Movimento sontuoso a dettare il passaggio del mago Iniesta che gli ha servito su un piatto d’oro il gol dell’1-0; colpo di testa da vero bomber d’area sul cross dalla destra di Dani Alves.

In entrambi i casi Neymar ha ridicolizzato il compagno di nazionale David Luiz, ancora una volta imbambolato dopo le figuracce dell’andata. I due gol proiettano l’erede naturale di Pelé, che gli ha dato la sua investitura, nell’Olimpo dei grandi del calcio europeo.

La sensazione però è che al repertorio messo in mostra ieri sera manchi ancora qualcosa: Neymar ha solo 23 anni, e un potenziale enorme a disposizione che ancora deve esplodere in tutta la sua potenza.

I prerequisiti, però, ci sono eccome: finora O’Ney ha messo a segno ben 30 reti in tutte le competizioni disputate dal Barcellona così ripartiti: 18 gol in Liga, 6 in Copa del Rey e 6 in Champions. 30 gol in 41 presenze. Numeri che la dicono lunga, sul talento stratosferico del brasiliano.

Con Messi e Suarez nel tridente, Neymar non si sente affatto il più scarso: la doppietta al Psg ha mostrato che il brasiliano sa stare tra i grandi con la potenza di un grande calciatore.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*