ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Tennistavolo, al via i mondiali. Sei gli azzurri in gara
Tennistavolo, al via i mondiali. Sei gli azzurri in gara

Tennistavolo, al via i mondiali. Sei gli azzurri in gara

La città cinese di Suzhou ospiterà dal 26 aprile al 3 maggio i Mondiali individuali di tennistavolo. I padroni di casa cinesi sono ovviamente i grandi favoriti, da anni dominatori del panorama internazionale. L’Italia sarà al via con sei atleti, quattro uomini e due donne.

Sono Mihai Razvan Bobocica, Leonardo Mutti e Marco Rech Daldosso del C.S. Aeronautica Militare; Niagol Stoyanov del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre. La quota rosa è rappresentata dalle promettenti Giorgia Piccolin (A.S.V. Tramin) e Debora Vivarelli (A.S.V. – Eppan TT Raiffeisen).

Gli azzurri saranno agli ordini del tecnico Maurizio Gatti, del direttore tecnico Patrizio Deniso e del fisioterapista Gianluigi Frigo.

Sono ardue però le possibilità di andare a medaglia, specie contro il colosso cinese. Nel 2013 a Parigi il Paese della Grande Muraglia vinse ben 14 medaglie sulle 20 a disposizione, con tre ori e il predominio assoluto nell’individuale maschile e femminile.

La restante porzione di medagliere se la sono spartita le altre nazionali asiatiche: Corea del Nord, Corea del Sud, Giappone, Hong Kong, Singapore e Taipei. A riprova di quanto nel tennistavolo sia ancora ampio il gap tra Estremo Oriente ed Europa: solo Portogallo, Germania, Austria e Francia hanno qualche speranza di battere il monopolio asiatico.

La Cina in particolare vanta nel ranking mondiale maschile i primi quattro nomi della classifica: da Ma Long a Xu Xin, Zhang Jike a Fan Zhendong, c’è l’élite del tennistavolo mondiale. E così anche in campo femminile: le prime tre, Ding Ning, Liu Shiwen e Li Xiaoxia, sono tutte cinesi. La prima “europea” ha chiare origini a mandorla, è la tedesca Han Ying, seguita dall’austriaca Liu Jia e dall’ungherese Pota Gergina.

In campo maschile, nelle zone alte ci sono comunque nomi considerevoli di origine tutta europea: i tedeschi Dimitrij Ovtcharov e Timo Boll, rispettivamente sesto e settimo, il portoghese Marco Freitas e il bielorusso Vladimir Sansonov. Campioni di indubbio valore che proveranno nell’arduo tentativo di ostacolare l’Asia alla conquista dei Mondiali di ping pong.

In Italia, sarà la piattaforma Eurosport a trasmettere le immagini televisive in Italia nelle giornate di venerdì 1 (9-11.30) e domenica 3 maggio (8-10 e 19.30-21.30).


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*