ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Omar Fraile sorprende tutti al Giro dell’Appennino
Omar Fraile sorprende tutti al Giro dell’Appennino

Omar Fraile sorprende tutti al Giro dell’Appennino

Un finale a sorpresa al Giro dell’Appennino 2015. Ad aggiudicarsi la 76^ edizione della corsa, intitolata quest’anno alla memoria di Alfredo Martini, è lo spagnolo Omar Fraile, che vince, sul traguardo di Pontedecimo, uno sprint ristretto davanti a Stefano Pirazzi, Damiano Cunego e Franco Pellizotti.

Il via viene dato alle ore 11.15 da Novi Ligure e, dopo circa venti minuti di gara, ci provano in sette. Si tratta di Angel Madrazo (Caja Rural-RGA), Simone Andreetta (Bardiani-CSF), Marco Frapporti (Androni-Sidermec), Giorgio Cecchinel (Southeast), Jacopo Mosca (Nazionale Italiana), Alexander Rybakov (RusVelo), Giovanni Pedretti (Unieuro-Wilier), Dmitry Sokolov (Lokosphinx) e Stefan Praxmayer (Tirol).

Il gruppo lascia fare e, al chilometri 50 di corsa, i battistrada raggiungono i tre minuti di vantaggio: tra questi, lo spagnolo Madrazo va ad imporsi al primo traguardo volante, mentre dietro è la Nippo-Fantini di Damiano Cunego a condurre l’inseguimento. Il vantaggio si mantiene inalterato anche al passaggio a Pontedecimo, per poi cominciare a scendere al GPM di Crocetta d’Orero – dove il primo a transitare è ancora Madrazo – seguito dal Passo dei Giovi, dove Praxmaier anticipa gli altri. Da segnalare, intanto, una brutta caduta del colombiano Torres, che è costretto a lasciare in ambulanza.

Ma è la Bocchetta la salita simbolo della corsa ed è qui che cominciano le vere scintille. Allunga Damiano Cunego, seguito da Omar Fraile (Caja Rural-RGA) ed Edoardo Zardini (Bardiani-Csf): il veronese transita per primo sul gpm, con i due inseguitori a 16″. A un minuto un gruppetto che comprende, tra gli altri, Franco Pellizotti (Androni-Sidermec), Stefano Pirazzi e Manuel Bongiorno (Bardiani-Csf), Simone Petilli (Unieuro Wilier) ed Amets Txurruka (Caja Rural-RGA). Il più veloce sulla Bocchetta è Zardini, che impiega 22’10”: resiste, dunque, il record di Gilberto Simoni, che nel 2003 impiegò 21’54”.

In discesa Cunego e Zardini allungano, seguiti da Fraile a poco più di 30″. I due di testa vanno di comune accordo e guadagnano sul gruppetto inseguitori, che nel frattempo assorbe anche Fraile ma paga già circa 1’30” di ritardo. All’ultimo GPM è ancora Cunego il primo a transitare, ma ai meno 10 km il gruppo si ricompatta e così abbiamo al comando Cunego, Zardini, Fraile, Pellizotti, Txurruka, Petilli, Bongiorno, Pirazzi.

Negli ultimi cinque chilometri continui scatti, portati avanti, in particolare, da Damiano Cunego e dai tre uomini della Bardiani-CSF. Ma nessuno riesce ad avvantaggiarsi e così, allo sprint, è Omar Fraile ad alzare le braccia al cielo, succedendo nell’albo d’oro a Sonny Colbrelli.

La top 10: 1 Fraile 2. Pirazzi 3. Cunego 4. Pellizotti 5. Txurruka 6. Bongiorno 7. Petilli 8. Zardini 9. Shilov 10. Gabburo


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*