ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Moto GP: a Le Mans Lorenzo vince ancora, per il Mondiale c’è anche lui
Moto GP: a Le Mans Lorenzo vince ancora, per il Mondiale c’è anche lui

Moto GP: a Le Mans Lorenzo vince ancora, per il Mondiale c’è anche lui

Il Martillo ha ricominciato a battere sul serio. Dopo il successo di Jerez, Jorge Lorenzo fa il bis a Le Mans e risponde “presente” al tavolo dei contendenti per il Mondiale di Moto GP.

Il pilota maiorchino della Yamaha batte il compagno di scuderia Valentino Rossi, 2° dopo un’altra splendida rimonta dal settimo posto. Sul terzo gradino un italiano su un’italiana: Andrea Dovizioso su Ducati centra infatti il quarto podio stagionale.

Si diceva della corsa al titolo: dopo il GP di Francia, Lorenzo è ad appena 15 lunghezze da Rossi e ha riaperto una corsa che prima della gara sembrava a due, fra il Dottore e Marc Marquez. Il ragazzino terribile della Moto GP invece, dopo aver dominato a lungo nel weekend (pole e primo posto nel warm up) è finito addirittura fuori dal podio

Oltre infatti a ri(sta)bilire il dualismo in casa Yahama – rigenerata in questo inizio di stagione, con 4 vittorie in 5 gare – il GP di Francia ha visto in difficoltà le Honda, specie quella dello spagnolo campione del mondo: dopo l’errore al primo giro, Marquez si fa passare da Rossi al terzo e poi ingaggia un duello con Iannone, che corona con il deludente quarto posto: ora il suo trono iridato è a rischio.

Va pure peggio al compagno Pedrosa, rientrato dopo tre gare fuori per l’operazione al braccio: scivola al 2° giro e poi finisce addirittura 16°.

Bene, come si è visto, anche le Ducati: ottimo e costante Dovizioso, davvero stoico ed encomiabile l’altro ducatista Iannone, che con una spalla lussata ha tenuto botta a Marquez mollando solo a pochissimi km dalla fine.

Tra gli altri 6° il presente Smith, 10° Petrucci. 15° – ancora un punto per l’Aprilia – Bautista, 17° De Angelis, davanti a Melandri.

Tra due settimane c’è il GP d’Italia al Mugello: e lì davanti sarà ancora bagarre!


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*