ULTIME NEWS
Home > Fantacalcio > Fantacalcio Top&Flop, 36a giornata: parte II
Fantacalcio Top&Flop, 36a giornata: parte II

Fantacalcio Top&Flop, 36a giornata: parte II

Nella Fantacalcio Top&Flop della 36a giornata entrano pochi fiaschi. Sono “solo” tre le insufficienze gravi registrate. Curiosità: tutt’e tre hanno la maglia nerazzurra.

Il premio flop va innanzitutto a un portiere nerazzurro: Samir Handanovic dell’Inter (4,5). La saracinesca nerazzurra paga una giornata a dir poco pessima.

La sua capacità proverbiale di pararigori viene meno al momento del penalty di Marchisio, e la reputazione di portiere tra i più promettenti al mondo si sgonfia come un pallone bucato sul tiro per nulla irresistibile di Morata: paperone colossale dello sloveno, che forse con questa topica si prepara a dare l’addio a San Siro, visti i frequenti rumours di mercato. 2,5 magic punti. Svuotato.

Poco più su gli fa compagnia un altro interista: Nemanja Vidic (4,5). Nel suo primo anno di Serie A, il difensore serbo ex Manchester United ha combinato una frittata dopo l’altra.

Da uno del suo calibro era davvero impensabile aspettarsi un rendimento così negativo: mai sicuro, sempre impacciato e in ritardo, sabato Vidic ha pure procurato il fallo di rigore su Matri – che ha ben altre qualità rispetto allo scatto palla al piede… – che ha dato il là alla sconfitta della Benamata. 4 magic punti. Incomprensibile.

Il giocatore che chiude la terna dei flop del 36° turno è Nicolò Cherubin dell’Atalanta (4,5). Il 28enne difensore in prestito dal Bologna incappa in una prestazione mortificante contro il Genoa, che costa alla Dea una sonora sconfitta per 1-4.

Va in bambola su tutti e quattro i gol rossoblù, specie a iniziare dal gol di Bertolacci: non chiude a dovere su Iago Falque lanciato in campo aperto per la quarta rete genoana. Per fortuna sua, per quanto sonante, il k.o. è indolore per i bergamaschi che, grazie al contemporaneo scivolone interno del Cagliari col Palermo, possono festeggiare la salvezza. 4,5 magic punti. Rivedibile.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*