ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Giro d’Italia, crono a Kiryenka. Contador di nuovo in rosa
Giro d’Italia, crono a Kiryenka. Contador di nuovo in rosa

Giro d’Italia, crono a Kiryenka. Contador di nuovo in rosa

C’era molta attesa per la 14^ tappa del Giro d’Italia 2015 e la Treviso – Valdobbiadene, cronometro individuale di 59.4 km, ha sconvolto, secondo ogni previsione, la classifica generale. Ad aggiudicarsi la prova contro il tempo è stato uno dei favoriti della vigilia, il bielorusso Vasil Kiryenka (Team Sky), ma il vero protagonista di giornata è stato Alberto Contador, che di prepotenza è andato a riprendersi la maglia rosa persa ieri, infliggendo distacchi pesantissimi a tutti i diretti avversari in classifica generale.

Una sfida con se stesso, quella di cui è stato autore il Pistolero della Tinkoff-Saxo, che ha sfiorato anche la vittoria parziale, andata meritatamente appannaggio di un forte passista come Kiryenka, che ha concluso la prova col tempo di 1.17.52 davanti ad un forte Luis Leon Sanchez (Astana). Contador chiude a soli 14″ dal vincitore, ma ciò che più gli sta a cuore è aver dimostrato che al Giro d’Italia è lui il numero uno, ancor prima delle salite che cominciano domani con il traguardo di Madonna di Campiglio.

Doveva difendersi Fabio Aru (Astana) e l’ha fatto: partito con la maglia rosa, il sardo ha sfornato una prestazione al meglio delle sue possibilità su un percorso che, almeno per chilometraggio, certamente costituiva per lui un limite importante. Dal nuovo leader paga quasi tre minuti e ora si trova ad inseguire in classifica a 2’28”. Il tempo per recuperare certamente c’è, ora che verranno le sue tappe, ma l’impressione è che il suo rivale spagnolo, che sta entrando proprio ora nella miglior condizione di forma, non pare così attaccabile.

Ma se l’azzurro paga dazio, deludenti sono state le prestazioni di chi, sulla carta, doveva poter lottare per un piazzamento importante. Rigoberto Uran (Etixx-QuickStep), autore in passato di ottime prove contro il tempo, è in linea con i tempi dell’italiano, mentre Richie Porte (Team Sky) abbina alla sfortuna dei giorni passati una prestazione davvero negativa, facendo peggio di tutti: 4’20” minuti dal suo compagno di squadra Kiryenka, ben 8’52” da Contador nella generale. Il nuovo leader del Team Sky è dunque Leopold Konig: buona prova per il ceco, che chiude nella top 10.

Chi sale al momentaneo terzo posto è Andrey Amador (Movistar), mentre da sottolineare l’ottima prova di Jurgen Van Den Broeck (Lotto Soudal), sulla carta tra i migliori nella terza settimana e, partito in sordina, sta riacquistando credito grazie anche alla prestazione odierna: ora è in quinta posizione, alle spalle di Uran.

Alberto Contador sembra aver  messo un’ipoteca sul Giro. Ma in questo Giro ricco di sorprese, prepariamoci a vivere una decisiva ultima settimana ricca di emozioni.

Ordine d’ arrivo 14^ tappa:

1 Vasil KIRYIENKA BLR SKY 34 1:17:52 2 Luis Leon SANCHEZ GIL ESP AST 32 +12 3 Alberto CONTADOR VELASCO ESP TCS 33 +14 4 Patrick GRETSCH GER ALM 28 +23 5 Steven KRUIJSWIJK NED TLJ 28 +1:09 6 Tanel KANGERT EST AST 28 +1:17 7 Jurgen VAN DEN BROECK BEL LTS 32 +1:25 8 Fabio FELLINE ITA TFR 25 +1:26 9 Tobias LUDVIGSSON SWE TGA 24 +1:27 10 Luke DURBRIDGE AUS OGE 24 +1:36 11 Sylvain CHAVANEL FRA IAM 36 +1:41 12 Kristof VANDEWALLE BEL TFR 30 +1:41 13 Leopold KONIG CZE SKY 28 +1:44 14 Stef CLEMENT NED IAM 33 +1:45 15 Andrey AMADOR BAKKAZAKOVA CRC MOV 29 +1:48 16 Ryder HESJEDAL CAN TCG 35 +1:58 17 Jon IZAGUIRRE INSAUSTI ESP MOV 26 +2:08 23 Rigoberto URAN URAN COL EQS 28 +2:45 29 Fabio ARU ITA AST 25 +3:01 33 Damiano CARUSO ITA BMC 28 +3:17 37 Mikel NIEVE ITURALDE ESP SKY 31 +3:32 38 Dario CATALDO ITA AST 30 +3:34 43 Roman KREUZIGER CZE TCS 29 +3:52 46 Giovanni VISCONTI ITA MOV 32 +3:57 52 Mikel LANDA MEANA ESP AST 26 +4:14

Classifica generale:

1 Alberto CONTADOR VELASCO ESP TCS 33 55:39:00 2 Fabio ARU ITA AST 25 +2:28 3 Andrey AMADOR BAKKAZAKOVA CRC MOV 29 +3:36 4 Rigoberto URAN URAN COL EQS 28 +4:14 5 Jurgen VAN DEN BROECK BEL LTS 32 +4:17 6 Dario CATALDO ITA AST 30 +4:50 7 Mikel LANDA MEANA ESP AST 26 +4:55 8 Damiano CARUSO ITA BMC 28 +4:56 9 Roman KREUZIGER CZE TCS 29 +4:57 10 Leopold KONIG CZE SKY 28 +5:35 11 Maxime MONFORT BEL LTS 32 +6:01 12 Giovanni VISCONTI ITA MOV 32 +6:04 13 Yury TROFIMOV RUS KAT 31 +7:01 14 Damiano CUNEGO ITA NIP 34 +7:47 15 Ryder HESJEDAL CAN TCG 35 +8:05 16 Alexandre GENIEZ FRA FDJ 27 +8:13 17 Richie PORTE AUS SKY 30 +8:52 18 Jon IZAGUIRRE INSAUSTI ESP MOV 26 +8:55 19 Davide FORMOLO ITA TCG 23 +9:05 20 Amaël MOINARD FRA BMC 33 +10:52

E’ stata “una grande emozione” per Fabio Aru vestire la maglia rosa, seppur per un solo giorno, ma il sardo non si dice “soddisfatto” della sua prestazione. Pur rivolgendo i meritati complimenti a Contador, che è “un campione” e pertanto non deve sorprendere la sua prestazione, il sardo preferisce già pensare a domani, all'”impegnativa tappa” di Madonna di Campiglio. “Il Giro non è finito, oggi abbiamo vissuto una tappa cruciale ma a Milano manca ancora tanto terreno – riflette – Fino al Sestriere ci sarà un grande spettacolo“.

E’ ovviamente “soddisfatto” – e non potrebbe essere altrimenti – colui che ha dato una straordinaria prova di forza a tutti, la nuova – o meglio – la vecchia maglia rosa Alberto Contador. “Ho dato il massimo, dopo quanto successo ieri sapevo che avrei dovuto fare la differenza oggi – analizza – ma Milano è ancora lontana e ora come ora avverto un mal di gambe…” Poi una’affermazione che certamente terrà banco: “Voglio continuare a godermi questo fantastico pubblico e questa splendida maglia perché molto probabilmente sarà il mio ultimo Giro d’Italia“.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*