ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Giro d’Italia, il marchio del fuoriclasse: Gilbert primo a Verbania!
Giro d’Italia, il marchio del fuoriclasse: Gilbert primo a Verbania!

Giro d’Italia, il marchio del fuoriclasse: Gilbert primo a Verbania!

Il marchio del fuoriclasse sul traguardo di Verbania, sede d’arrivo della 18^ tappa del Giro d’Italia 2015: Philippe Gilbert trionfa al termine di una lunga fuga, andando a realizzare la sua personale doppietta in questa edizione della Corsa Rosa. Alle sue spalle un ottimo Francesco Manuel Bongiorno, il quale, dopo il secondo posto dello scorso anno sullo Zoncolan, deve accontentarsi di un nuovo piazzamento d’onore. Alberto Contador guadagna ancora sui diretti rivali e legittima il suo dominio in classifica.

Finalmente un bel sole ad accompagnare i corridori per l’intera tappa. La fuga di giornata prende corpo solamente dopo 44 chilometri. Se ne vanno in quindici: Kanstantin Siutsou (Sky), Maxim Belkov e Aleksandr Porsev (Katusha), Chad Haga (Giant Alpecin), Davide Villella (Cannondale Garmin), Matteo Busato (SouthEast), Pieter Weening (Orica GreenEdge), Damiano Cunego (Nippo Fantini), Roberto Ferrari (Lampre Merida), Sylvain Chavanel (IAM), David De La Cruz (Etixx Quick Step), Philippe Gilbert e Amael Moinard (BMC), Francesco Manuel Bongiorno (Bardiani CSF) e Rinaldo Nocentini (AG2r La Mondiale).

Dopo 60 km il drappello guadagna sul gruppo oltre sei minuti, che diventano ben dodici a chilometraggio raddoppiato: è già chiaro, dunque, che la tappa si gioca tra i quindici. Dal plotone, intanto, fuoriescono Jesus Herrada (Movistar) e Fabio Felline (Trek), mentre è sfortunatissimo Damiano Cunego, incappato in una caduta con Roberto Ferrari: lo sprinter riparte e viene risucchiato dai due all’inseguimento (a circa 4′), per lo scalatore della Nippo-Fantini, invece, c’è il ritiro.

Ai piedi del Monte Ologno, unica ma impegnativa ascesa di giornata, subito emozioni: una caduta in fondo al gruppo coinvolge anche Mikel Landa (Astana), secondo in classifica, costretto ad inseguire. Alberto Contador (Tinkoff-Saxo) mette la squadra davanti, ma poco dopo è lui in prima persona ad attaccare per mandare definitivamente KO ogni velleità del basco. Mancano ancora 45 km al traguardo, ma il Pistolero si trova già tutto solo all’inseguimento dei primi, il cui vantaggio cala rapidamente sotto gli otto minuti.

La situazione si evolve anche davanti con Bongiorno, Siutsou, De La Cruz e Moinard che staccano tutti gli altri (l’italiano transita per primo in cima al GPM), ma in discesa sono ripresi da Gilbert, Nocentini, Chavanel e Busato. Dietro, allo scollinamento, Contador viene raggiunto da Ryder Hesjedal (Cannondale-Garmin), mentre il gruppo Mikel Landa/Fabio Aru insegue a oltre un minuto e mezzo.

Ai meno quindici all’arrivo, Gilbert si accorge che davanti c’è un momento di indecisione e ne approfitta per andarsene. E’ l’azione decisiva di un campione che sa onorare ogni corsa a cui prende parte, sa regalare emozioni uniche ed è giustamente ripagato da tali splendidi successi. Alle sue spalle arriva solitario Francesco Manuel Bongiorno, che deve ancora rimandare il primo successo al Giro che pure meriterebbe. Alberto Contador arriva in compagnia di Ryder Hesjedal a 6’05” e guadagna oltre 1 minuto su tutti gli inseguitori in classifica generale.

Ordine d’arrivo 18^ tappa: 1 Philippe GILBERT BEL BMC 4:04:14 2 Francesco Manuel BONGIORNO ITA BAR 47 3 Sylvain CHAVANEL FRA IAM +1:01 4 Matteo BUSATO ITA STH +1:01 5 Amaël MOINARD FRA BMC +1:01 6 David DE LA CRUZ MELGAREJO ESP EQS +1:01 7 Rinaldo NOCENTINI ITA ALM +1:01 8 Kanstantsin SIUTSOU BLR SKY +1:01 9 Chad HAGA USA TGA +2:42 10 Pieter WEENING NED OGE +3:55 11 Ryder HESJEDAL CAN TCG +6:05 12 Alberto CONTADOR VELASCO ESP TCS +6:05 13 Davide VILLELLA ITA TCG +6:38 14 GENIEZ AlexandreFRAFDJ 4:11:32 7:18 15 KRUIJSWIJK StevenNEDTLJ 4:11:32 7:18 16 CARUSO DamianoITABMC 4:11:32 7:18 17 KONIG LeopoldCZESKY 4:11:32 7:18 18 ZARDINI EdoardoITABAR 4:11:32 7:18 19 VISCONTI GiovanniITAMOV 4:11:32 7:18 20 TROFIMOV YuryRUSKAT 4:11:32 7:18

Classifica generale: 1 Alberto CONTADOR VELASCO ESP TCS 72:23:09 2 Mikel LANDA MEANA ESP AST +5:15 3 Fabio ARU ITA AST +6:05 4 Andrey AMADOR BAKKAZAKOVA CRC MOV +7:01 5 Yury TROFIMOV RUS KAT +9:40 6 Leopold KONIG CZE SKY +10:44 7 Damiano CARUSO ITA BMC +11:05 8 Steven KRUIJSWIJK NED TLJ +12:53 9 Ryder HESJEDAL CAN TCG +13:01 10 Alexandre GENIEZ FRA FDJ +14:01 11 Maxime MONFORT BEL LTS +15:17 12 Jurgen VAN DEN BROECK BEL LTS +17:12

Si dice “molto felice” il campione belga Philippe Gilbert per la nuova vittoria ottenuta e ai microfoni televisivi trova anche il modo di scherzare: “E’ la prima volta che vedo in TV, da dietro il traguardo, il leader di una corsa che ancora deve arrivare”, riferendosi all’arrivo dopo oltre sei minuti della maglia rosa. Sull’analisi della gara: “Abbiamo corso alla grande con Amael Moinard, il mio compagno di squadra in fuga: lui è stato con i migliori scalatori del gruppetto mentre io ho proseguito al mio ritmo. Quando ho attraversato il GPM con 40 secondi di distacco sapevo che sarei potuto rientrare e così ho fatto”.

Alberto Contador ha dato l’ennesima dimostrazione di essere il padrone incontrastato del Giro 2015: “Sono stanco perché dopo l’ultima salita è stata una prova a cronometro, ma ogni giorno qui è difficile – osserva – Sono molto felice di aver guadagnato tempo in classifica generale. Vedremo cosa accadrà domani e dopodomani”.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*