ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Giro del Delfinato, grande assolo di Bardet. Van Garderen nuovo leader
Giro del Delfinato, grande assolo di Bardet. Van Garderen nuovo leader

Giro del Delfinato, grande assolo di Bardet. Van Garderen nuovo leader

Advertisement

Va ad uno straordinario Romain Bardet la quinta tappa del Giro del Delfinato 2015, quella che ha condotto i corridori da Digne-les-Bains a Pra-Loup, dopo 161 km. Il giovane francese in forza alla Ag2R La Mondiale è scattato in cima alla penultima salita, rendendosi protagonista di una grande azione in discesa, che l’ha portato a resistere agli attacchi di tutti gli altri, a partire da Tejay Van Garderen, che col secondo posto diventa il nuovo leader della classifica generale.

Sono sette uomini ad animare la tappa nella prima parte di corsa. Si tratta di Christophe Riblon (AG2R-La Mondiale), Tim Wellens (Lotto-Soudal), Pieter Serry (Etixx-QuickStep), Romain Sicard (Europcar), Arnaud Courteille (FDJ), Albert Timmer (Giant-Alpecin) e Daniel Teklehaimanot (MTN-Qhubeka), il cui tentativo, tenuto a bada dagli uomini della BMC della maglia gialla Rohan Dennis, finisce ai piedi del Col d’Allos (14 km al 5.5%, cat. 1).

A quel punto è il Team Sky a prendere il controllo della situazione, imponendo un’alta andatura che fa dura selezione nel plotone. In cima alla salita rimangono una trentina di unità, tra cui Romain Bardet, che dà vita ad un’azione spettacolare, proseguendo il suo tentativo in discesa e riuscendo a guadagnare più di un minuto sul resto del gruppo.

Ai meno sei al traguardo comincia la salita conclusiva verso Pra Loup, stesso traguardo che vedremo in occasione della diciassettesima tappa del prossimo Tour de France. Il ritmo degli Sky è notevole: ne fanno le spese, tra gli altri, Alejandro Valverde (Movistar), Alberto Rui Costa (Lampre-Merida) e Vincenzo Nibali (Astana), che si scansa di colpo, preferendo salire del proprio passo fino all’arrivo.

Ai meno due lo scatto preventivato di Chris Froome (Team Sky), al quale nessuno riesce a resistere. Ma il vantaggio di Bardet è ancora di poco inferiore al minuto e così il transalpino va a cogliere – con pieno merito – la sua terza vittoria in carriera. Dietro, Froome cede un po’ e si fa rimontare da Tejay Van Garderen (Bmc), che giunge secondo e strappa la maglia di leader al suo compagno di squadra Dennis.

Il migliore italiano è Michele Scarponi (Astana), a 57″, mentre Nibali giunge con circa 2′ di ritardo. Dietro lo statunitense in classifica troviamo Benat Intxausti (Movistar) a 18″ davanti proprio a Bardet a 20″ e Scarponi a 32″. Froome è quinto a 41″.

Ordine d’arrivo  5^ tappa: 1 Romain Bardet (Fra) AG2R La Mondiale 4:31:22 2 Tejay Van Garderen (USA) BMC Racing Team 0:00:36 3 Christopher Froome (GBr) Team Sky 0:00:40 4 Benat Intxausti (Spa) Movistar Team 0:00:42 5 Simon Yates (GBr) Orica GreenEdge 0:00:50 6 Louis Meintjes (RSA) MTN – Qhubeka 0:00:50 7 Andrew Talansky (USA) Cannondale-Garmin Pro Cycling Team 0:00:55 8 Michele Scarponi (Ita) Astana Pro Team 0:00:57 9 Pierre Rolland (Fra) Team Europcar  10 Mathias Frank (Swi) IAM Cycling

Classifica generale: 1 Tejay Van Garderen (USA) BMC Racing Team 18:03:22 2 Benat Intxausti (Spa) Movistar Team 0:00:17 3 Romain Bardet (Fra) AG2R La Mondiale 0:00:20 4 Michele Scarponi (Ita) Astana Pro Team 0:00:31 5 Christopher Froome (GBr) Team Sky 0:00:41 6 Simon Yates (GBr) Orica GreenEdge 0:00:43 7 Andrew Talansky (USA) Cannondale-Garmin Pro Cycling Team 0:01:08 8 Daniel Martin (Irl) Cannondale-Garmin Pro Cycling Team 0:01:16 9 Mathias Frank (Swi) IAM Cycling 0:01:17 10 Nicolas Roche (Irl) Team Sky 0:01:25

https://www.youtube.com/watch?v=gxn-0sxVo7E

Domani la sesta tappa del Criterium du Dauphiné, la Saint-Bonnet-en-Champsaur – Villard-de-Lans – Vercors (183.00 km). Sei i colli da scalare, sebbene uno soltanto di prima categoria: Rampe du Motty (2.3 km al 8.3%, cat. 3), Côte du Barrage de Sautet (2.2 km al 4.4%, cat. 3), Col de la Croix-Haute (5.6 km al 5.9%, cat. 2), Col de Grimone (4.1 km al 6.1%, cat. 3), Col du Rousset (13.8 km al 5.4%, cat. 1), Villard-De-lans Côte 2000 (2.2 km al 6.2%, cat. 3).

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*