ULTIME NEWS
Home > Olimpiadi > Baku 2015, nuovo oro dall’arco e argento dalla carabina
Baku 2015, nuovo oro dall’arco e argento dalla carabina

Baku 2015, nuovo oro dall’arco e argento dalla carabina

L’Italia del tiro con l’arco continua a brillare ai Giochi Olimpici Europei di Baku 2015. Dopo il primo posto ottenuto nella giornata di ieri dalla squadra mista (Mauro Nespoli e Natalia Valeeva), quest’oggi è la squadra femminile a conquistare il metallo più pregiato. Natalia Valeeva, Guendalina Sartori ed Elena Tonetta, dopo aver battuto, nell’ordine, Danimarca e Russia, riescono ad avere la meglio anche della Bielorussia, che in finale viene piegata per 5-3.

Meno bene gli uomini (Michele Frangilli, Mauro Nespoli, David Pasqualucci), costretti ad arrendersi ad una formidabile Ucraina ai quarti di finale. Occasione persa nel tiro a volo, dove la formazione mista Massimo Fabbrizi e Jessica Rossi fallisce l’obiettivo medaglia.

Medaglia d’argento per Marco De Nicolo nella carabina da 50 metri, tiro a segno: soltanto il tedesco Henri Junghaenel, con 208.5, riesce a fare meglio dell’azzurro, che si ferma a 207.3 dopo aver condotto gran parte della gara. Soltanto ventunesimo Niccolò Campriani.

Deludono i due azzurri della cronometro uomini del ciclismo su strada: Manuele Boaro è soltanto undicesimo, Dario Cataldo sedicesimo. Oro, secondo pronostico, al bielorusso Vasil Kiryenka (vincitore della crono di Valdobbiadene all’ultimo Giro d’Italia) davanti all’olandese Steff Clement e allo spagnolo Luis Leon Sanchez. Male anche le ragazze: Tatiana Guderzo finisce 23^, Rossella Ratto 25^ nella gara vinta dall’olandese Van Dijk.

Finisce agli ottavi di finale l’avventura di Angelo Costa nella qualificazione dei 70 kg di lotta libera: bene al primo turno contro l’austriaco Georg Marchl per 3-1, male nel secondo contro il turco Yacup Gor (4-0).

Quinto posto per Tea Ugrin nella gara all Around della ginnastica artistica: 54,331 il punteggio, a fronte del 58,566 della russa Aliya Mustafina, medaglia d’oro. Quindicesimo posto per Tommaso De Vecchis nella all round uomini: 82.265 i suoi punti, mentre l’ucraino Oleg Verniaiev, oro, ne ha totalizzati 90.332.

Sfiora il bronzo Roberto Botta nel taekwondo, categoria -80 kg. Il portacolori azzurro, dopo aver superato russo il tedesco Guelec ed il francese Torann Mizeroi, perde in semifinale dal russo Albert Gauns e, nella finale per il bronzo, cede anche al britannico Lutalo Muhammad per 12-7.

A punteggio pieno le due coppie azzurre del beach volley uomini: Matteo e Paolo Ingrosso battono per 2-0 i lettoni Sorokins, Solovejs, mentre Alex Ranghieri ed Enrico Rossi piegano con lo stesso punteggio i lituani Arnas Rumsevicius e Lukas Kazdailis 2-0. Fuori le ragazze Daniela Gioria e Giulia Momoli che, battute dalle polacche Gruszczynska/Baran per 2-0, giungono seconde nel girone e non riescono ad avanzare nel tabellone.

Via al programma dei tuffi: nel trampolino 1 metro, gara valida come Campionato Europeo Juniores, Ruslan Adriano Cristofori giunge settimo, dopo che nelle qualificazioni aveva il terzo punteggio; peggiora anche Andrea Cosoli, che da settimo diventa undicesimo in finale. Oro al russo Nikita Shleikher (543.80) davanti al connazionale Ilia Molchanov (512.20) e al britannico James Heatly (483.40).

Finisce in semifinale l’avventura del Setterosa nella pallanuoto femminile: le ragazze devono arrendersi alla Russia per 7-17 (0-5;3-5;3-2;1-5) e disputeranno sabato la finale per la medaglia di bronzo. Ennesima sconfitta per l’Italvolley femminile: questa volta a superarci è il Belgio per 2-3 (24-26; 25-16; 19-25; 25-12; 13-15).


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*